cerca

Il grande bluff del nuovo organo del corpo umano

L'hanno scoperto alcuni ricercatori newyorkesi e israeliani ed è il più grande di tutto il nostro corpo. Possibile? Alcune domande

28 Marzo 2018 alle 17:25

Il grande bluff del nuovo organo del corpo umano

Foto di UC Davis College via Flickr

Le mie nozioni di anatomia sono limitate a certi rudimentali esperimenti, iniziati nella prima adolescenza, su cui non ritengo opportuno intrattenervi: sarà per questo che ho accolto con stupore la notizia che ricercatori newyorchesi e israeliani hanno scoperto un nuovo organo del corpo umano. Ancora maggiore è stata la sorpresa nell’apprendere che questo nuovo organo è il più grande del nostro corpo.

 

Dopo essermi tastato con perizia senza trovare nulla di particolarmente rilevante che non fosse già lì ieri sera, mi sono posto alcune domande.

 

Può darsi che tutti siano dotati di quest’organo e io ne sia mutilo? Non credo. Può essere che quest’organo, essendo nuovo, è sviluppato solo su persone più giovani di me o viene magari concesso su richiesta? Inverosimile. Ma, soprattutto, se quest’organo è così grande come mai non è stato scoperto prima? Sappiamo tutto di trascurabili sassolini nelle orecchie ma ci siamo lasciati sfuggire qualcosa di più esteso di cuore, polmoni e fegato messi insieme?

 

Mi sono documentato e ho appreso che questo nuovo organo - si chiama interstizio - è diffuso su tutto il corpo, fra la pelle e i vari apparati; è insomma il caro vecchio tessuto connettivo chiamato con un nome diverso. Le mie nozioni di anatomia sono molto limitate ergo non so dire se quest’aggiornamento della nostra mappa interiore sarà utile alla medicina, me lo auguro; per adesso però, da quando so che dentro di me c’è un organo nuovo, ha iniziato ad avvertire un dolorino anche lì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Alcalia

    Alcalia

    19 Aprile 2018 - 13:01

    E' la Matrice Extra Cellulare: il fatto che fosse stata sempre lì non implica che , a seguito di un modo diverso di studiarla, non si siano resi conto che non sia un semplice sistema di liquidi e tessuti ma un sistema completo e funzionale quale quello di un Organo nella sua complessità. E la differenza - che potrà leggere in molti altri articoli riportati in questi giorni suRiviste Mediche Internazionali - è oceanica. Anche per la diffusione di Patologie gravi. Se vorrà maggiori delucidazioni in merito, l'Associazione di Divulgazione Scientifica che rappresento - Alcalia No Profit - sarà lieta di metterla in contatto con il Primo Specialista Italiano che da decenni approfondisce il Percorso della Matrice Extracellulare. Le mail di riferimento sono: info@alcalia.org oppure alcalia.it@gmail.com . Buon lavoro! P. S. anche in tempi Antichi cuore, fegato, stomaco, etc erano sempre lì: poi qualcuno scoprì come funzionavano correttamente iniziando di nascosto i primi studi su cadaveri !

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    28 Marzo 2018 - 19:07

    Timeo scientiae e teoriae ferentes.

    Report

    Rispondi

Servizi