cerca

Altri 9 deputati e un senatore lasciano il Movimento 5 stelle

I dissidenti andranno nel gruppo Misto per poi formarne uno autonomo: 'Alternativa libera'. Sul Quirinale: "Se Renzi ci chiama alle consultazioni andiamo e proponiamo un nome".

27 Gennaio 2015 alle 11:35

Altri 9 deputati e un senatore lasciano il Movimento 5 stelle

Mara Mucci, Walter Rizzetto, Marco Baldassarre durante la conferenza stampa a Montecitorio (foto LaPresse)

I dissidenti storici dei pentastellati annunciano in una conferenza stampa a Montecitorio l'addio al Movimento cinque stelle di 9 deputati e un senatore. "Lasciamo in nove, ci sposteremo nel gruppo misto e lì formeremo una componente. Se poi ci saranno i numeri per formare un gruppo parlamentare vederemo", ha detto Walter Rizzetto ai giornalisti. Si tratta dei dissidenti 'storici' di M5s: i deputati Tancredi Turco, Walter Rizzetto, Mara Mucci, Aris Prodani, Samuele Segoni, Eleonora Bechis, Marco Baldassarre, Sebastiano Barbanti, Gessica Rostellato, e il senatore Francesco Molinari. "Il Movimento è nato per cambiare le cose - aggiunge Mara Mucci - e per questo oggi abbiamo rassegnato le dimissioni dal gruppo. Tra non capire e rimanere in silenzio abbiamo scelto di ribellarci ancora una volta".

 

I 9 deputati che oggi dicono addio al Movimento 5 stelle si sposteranno per il momento nel gruppo Misto, non avendo i numeri per formare un gruppo, e costituiranno una componente autonoma. La deputata Mara Mucci ha spiegato che il nuovo gruppos i chiamerà 'Alternativa libera', "perché siamo un cantiere aperto. Il nostro gruppo sarà aperto, inclusivo e orizzontale, un cantiere aperto per un progetto di cambiamento che possa offrire un'alternativa libera''.

 

[**Video_box_2**]Sul Quirinale, ha aggiunto Mucci, "vogliamo assolutamente partecipare senza inciuci né arroccamenti ma dicendo la nostra per eleggere una figura che sia vicina ai cittadini e che rappresenti le istanze di cambiamento e trasparenza che consideriamo essenziali. Anche qui basta calcoli e tatticismi". E poi, dopo la conferenza stampa, ha aggiunto: "Se ci chiameranno per le consultazioni parleremo e cercheremo di fare una nostra proposta. Non voteremo scheda bianca ma dalla prima votazione indicheremo un nome". "Se Renzi ce lo chiede noi andiamo - ha proseguito Walter Rizzetto - e così con tutti. Anche se ancora non ci ha invitati, ascolteremo tutti: pur rimanendo nel solco dei principi M5s noi non ci sottraiamo agli impegni. Ma ad ora non c'è stata alcuna trattativa né telefonata con Renzi".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi