Il Cav. scommette sul mago Matteo

I borbottii dei forzisti meridionali non frenano un Berlusconi sereno ma fatalista: o Renzi, o la finestra

Il Cav. scommette sul mago Matteo

Silvio Berlusconi fa ingresso a palazzo Chigi per la riunione dei gruppi parlamentari (Foto La Presse)

Roma. Entra alle nove a Palazzo Chigi accompagnato da Denis Verdini e Gianni Letta, esce due ore dopo confermando l’accordo sulle riforme: legge elettorale, senza preferenze, in tempi rapidi, e Senato non elettivo. E dunque la trama intessuta da Verdini, schivo architetto di retrovia, regge alle sollecitazioni umorali e giudiziarie, alle ombre del processo Mediatrade, allo spettro d’una condanna in Appello nel processo Ruby, al tramestio ombroso di Raffaele Fitto, alla carica emotiva di Renato Brunetta. Così a pranzo, a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi