cerca

Zingaretti è il nuovo che avanza?

Sarebbe troppo facile affidarci a De Mita, Delrio o perfino a Giorgetti. Siamo tutti alla ricerca della sorpresa (anche il Pd)

30 Aprile 2019 alle 06:00

La novità Zingaretti

Nicola Zingaretti (foto LaPresse)

Che poi uno, arrivato a questo punto, spererebbe anche solo di metterci una toppa. No, ti senti dire. Che poi vieni a sapere, tipo, di Ciriaco De Mita ricandidato a Nusco e tu faresti, con Craxi che da lassù capisce e sprona, carte false al Comune per andarlo a votare. No, ripetono, non è cosa, questa non è una novità, una cosa nuova ci vuole, una sorpresa. Hanno ragione. È pur vero che tra Delrio e Brunetta, tra Fattorini e la Carfagna, ma udite udite, tra l’Amor perennemente Nostro e l’elegante sinistrese Luigi Zanda, ma facciamo pure con l’orrendo Giorgetti, loro stessi arrivati al punto certo, tutto scivolerebbe via più facile. La novità, però? E i social network? E la foia della sorpresa che dal buonsenso prescinde? Giuste obiezioni. Avevo quattordici anni. M’innamorai perdutamente di Maurizia. Stava nel banco dietro. Si ritrasse, poi mi accettò per un cinema, la abbracciai stretta stretta: “Naturalmente lo sai che sono un maschio”, mi sussurrò lei nell’orecchio. E fu una novità mica male, Zingaretti mio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi