Senza pippe in pubblico Martina è morto

Andrea Marcenaro

Salvini vuole punire chi si masturba in luoghi pubblici. Proprio lui, che rivendica per sé il diritto di far politica

Non è stato senza qualche motivo, questo bisogna ammetterlo, che Matteo Salvini ha protestato contro i giudici i quali pretendevano il pagamento sull’unghia dei 49 milioni di euro inguattati illegalmente dalla Lega: “Mi impediscono di fare politica”, ha protestato. Non aveva tutti i torti, ne aveva molti, ma tutti no. Ecco. Veniamo ora a sapere di una lettera che lo stesso Salvini avrebbe spedito al ministro della Giustizia perché siano punite senza pietà le pippe in pubblico. Da non credere. Cioè. Lo stesso Salvini che, di riffa o di raffa, ha appena rivendicato per sé il diritto di far politica, finge di non sapere che Maurizio Martina, suo concorrente diretto, allora è morto? 

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.