Io speriamo che me la cavo

Il nuovo governo ha giurato come da consuetudine. Anche gli intellettuali anticasta e i giornalisti terzisti hanno recitato la loro formula di rito

2 Giugno 2018 alle 06:16

Io speriamo che me la cavo

Foto LaPresse

La cerimonia del giuramento è avvenuta nel salone delle feste del palazzo del Quirinale: l’ambiente più maestoso della Sede della Presidenza della Repubblica. Secondo consuetudine, il Presidente del Consiglio e i ministri hanno giurato uno per volta davanti al Presidente della Repubblica, accompagnato dal Segretario generale presso un tavolo dove si trovavano una copia originale della Costituzione italiana, conservata presso gli Archivi Storici del Quirinale nel Palazzo Sant’Andrea, e i documenti ufficiali. Tutt’intorno, posizionati ad arco, gli intellettuali anticasta e i giornalisti terzisti hanno recitato la formula di rito: “Giuriamo che comunque noi ce la caviamo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi