L'Argentina di Messi boicotta Israele

Prima il terrore poi i complimenti. Così Hamas ha spaventato la nazionale argentina facendo saltare la partita con la nazionale israeliana 

7 Giugno 2018 alle 06:19

L'Argentina di Messi boicotta Israele

Foto LaPresse

La nazionale argentina di calcio ha cancellato la partita con la nazionale israeliana programmata per il 9 giugno ad Haifa, in un primo tempo, e spostata poi a Gerusalemme. I calciatori argentini erano stati fatti oggetto di odiose minacce da parte di gruppi organizzati palestinesi e di lettere minatorie in cui venivano minacciati di morte loro stessi e i loro familiari. Hanno avuto paura, hanno deciso di rinunciare all’incontro, la loro federazione li ha coperti e lo stesso presidente argentino, raggiunto al telefono da Netanyahu perché respingesse il ricatto, non si è sentito di farlo. Chi si aspettava un atteggiamento eroico contro Hamas e i suoi epigoni è rimasto comprensibilmente deluso, mentre Hamas si è orribilmente congratulata con Messi e i suoi, dopo averli terrorizzati fino a un attimo prima. Il nome di Messi viene ora entusiasticamente scandito per le strade, non solo di Gaza e della Cisgiordania, laddove pronunciato con qualche disgusto da chi si sarebbe aspettato un atteggiamento più coraggioso. Forse era giusto chiedere più coraggio a Messi e ai suoi ragazzi. Forse. Ma è utile ricordare, in momenti del genere, come lo stesso ricatto venne subito per interi decenni da una grande nazione i cui capitani non vestivano in mutande e maglietta per correre su un prato, bensì in severi completi grigi. Era l’Italia del Lodo Moro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    08 Giugno 2018 - 19:07

    Con il terrorismo palestinese negli anni '80 l'Italia ha sempre avuto un occhio benigno ed il terrorismo casalingo poco dopo è stato il giusto contrappasso.

    Report

    Rispondi

  • oliolà

    07 Giugno 2018 - 19:07

    Non vorrei che si passasse da quei due loschi figuri alle Icone dell'Antimafia. Sentito Conte?

    Report

    Rispondi

  • romamor

    07 Giugno 2018 - 18:06

    Da convinto sostenitore dico che la cosa è grave ma non seria ed aggiungo che forse non era il caso di forzare la mano con lo spostamento della sede della partita.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    07 Giugno 2018 - 09:09

    Caro Andrea’s, hai presente quale sia la situazione economica e sociale dell’Argentina? Forse cola’ c’e’ qualcuno, magari tra chi li governa, che spera che l’acclamare Messi da parte dei militanti di Hamas gli porti bene non solo ai mondiali di calcio.

    Report

    Rispondi

Servizi