Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Trovati 1300 risultati

La resistenza di Edinson “Fico” Cavani contro Neymar è un’idea per la democrazia
La retata di docenti che si potrebbe evitare eliminando i concorsi
Rosso, Pontormo, Bronzino e gli altri. Tra "lascivia" e "divozione". A Firenze un cinquecento tutto nuovo
Le minacce da weekend e una buona notizia sul Pd
L’indipendenza è una cosa seria e l’Italia è  ridicola
Fate Silence, che è morto Toro Scatenato
Chiudete Ryanair e ridateci l'Lsd
C'erano due populisti sul Prato (lo stravagante weekend della destra)
La fotostoria del Cav. e san Gennaro Woodcock
Il problema di Rula Jebreal non è il sessismo, è Fregoli
L'omertà di chi lincia il carabiniere stupratore ma tace su quello golpista
Ode ad Andrea Bocelli caduto da cavallo
L’Europa va e il Nord ritorna.  Salvini rischia di sgommare a Pontida
Ero milanese

Multimedia

Servizi