Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Trovati 1598 risultati

Contro ogni rancore, ecco la camicia di forza dell’amore
Un silence che ci parla
Una domanda al prof. Cassese sulla “buona scuola”
Massimiliano Allegri e le "teste di ravanello"
Il green monday del Leòn che (ri)magna il teròn
GranMilano
Come farsi aiutare da Google a dire “oca” alla Raggi
I giudici dei minori badassero ai minori, e non allo smalto
Un convinto applauso ai medici di Nola e ai loro plaid
Le idee non tutte liquidabili di un sociologo sul declino occidentale
Il mondo grullo del “buongiorno vuol dire buongiorno” di Severgnini e la differenza tra emoji e punteggiatura
Se Sanremo è gentiloniano, a che serve più la Consulta?
Ma che porteranno i Re Magi al porno parroco?
Navigli referendari

Multimedia

Servizi