Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

E' nato a Milano quando via Solferino era in periferia, alla Mangiagalli quando era la fabbrica dei bambini. Il 27 febbraio 1961, e c’erano le rondini, dice sua mamma. E' cresciuto a Monza, che è un po’ la sua Heimat, ha fatto studi di lettere e di cinema. E' al Foglio da quando c’è, scrive letterine e di tutto quanto gli sembri interessante. Spesso di Chiesa, che interessa a lui, ma non solo a lui. Il blog non ce l’ha, ha Zeru Tituli. Ama Jannacci, Javier Zanetti, Neil Young. Vivrebbe in montagna, leggerebbe di più. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, il che per lui è più bello che avere tempo libero.

Trovati 1560 risultati

Dal motore di Lake a proporzionale e mandolino
Ma che t’ha fatto @meb?
Il referendum (tutto politico) di Fanfani sul divorzio. Analogie e differenze
Lettera di dimissioni di Heather Parisi, Merlo style
Sul calcio ha ragione Claudio Cerasa
La Milano europea che ha detto Sì è il punto di ripartenza
Contro i Sioux, più che Custer meglio spedire Jim Messina
Sereno appunto sulle dimissioni di François Merlo
Santa demografia
Storia veritiera, milanesissima  e popolare di Aldo Giovanni e Giacomo. In un libro
Alex, Lapo e i freni inibitori della lingua travolti dall’odio
Nuova infermiera killer
Io voto un sereno No
Paulo Sousa, troppo intelligente per il calcio italiano

Multimedia

Servizi