Trump correrà sulla questione cinese

Il presidente americano cercherà la rielezione attaccando Pechino. Incognite

Ogni lunedì, segnalazioni dalla stampa estera con punti di vista che nessun altro vi farà leggere, a cura di Giulio Meotti


 

“E’ sempre più chiaro che il percorso più probabile del presidente Trump verso la rielezione attraversa Pechino”, scrive Walter Russell Mead sul Wall Street Journal. “Con l’economia in rovina e la pandemia che devasta il paese, fare delle elezioni un referendum sulla Cina è forse l’unica possibilità per Trump di estendere il suo mandato alla Casa Bianca nel gennaio 2021. Il nucleo dell’appello del presidente è sempre stata la sua capacità di ritrarre se stesso come un estraneo anti establishment che viene a drenare la palude e a rimettere il paese sulla strada giusta. Questo è più difficile da fare come candidato in carica per la rielezione, ma la lunga storia d’amore tra politica estera e di business con la Cina dà a Trump qualcosa contro cui scontrarsi. Per decenni, le società hanno esternalizzato posti di lavoro americani in Cina, mentre l’establishment politico ha permesso a Pechino di imbrogliare nella sua concorrenza economica con gli Stati Uniti. La Cina ha mantenuto i suoi mercati chiusi, incanalando gli aiuti di stato alle società cinesi, persino rubando la proprietà intellettuale, mentre l’establishment ha detto che Pechino si stava democratizzando e imparando a rispettare le regole.

 

Il risultato? Milioni di posti di lavoro americani sono andati persi; la Cina è diventata più ostile e più comunista; e, per aggiungere la beffa al danno, gli Stati Uniti devono ora tentare di produrre forniture mediche e dispositivi di protezione individuale originariamente provenienti dalla Cina per combattere un virus che l’inganno di Pechino ha scatenato nel mondo. L’incapacità degli Stati Uniti di riconoscere e rispondere al pericolo rappresentato dall’aumento della potenza cinese è stato, può dire plausibilmente Trump, uno dei più grandi errori strategici nella storia del mondo. Trump sarà in grado di controllare la narrativa della campagna elettorale attraverso azioni drammatiche come stabilire tariffe draconiane, imporre sanzioni a figure cinesi di alto profilo coinvolte in attività discutibili, proporre misure per costringere le società statunitensi a rivedere la produzione in Cina e fornire ulteriore supporto a Taiwan.

 

Infine, una campagna cinese creerebbe problemi reali per i democratici. Parte di questo sarebbe personale per Joe Biden: la campagna di Trump sta già facendo tutto il possibile per evidenziare i legami commerciali di Hunter Biden con la Cina. Ma molti altri democratici di alto livello hanno fatto soldi lì, hanno sostenuto politiche commerciali che hanno dato via troppo senza ritenere Pechino responsabile. Molti elettori di Bernie Sanders condividono la critica di Trump all’establishment nei confronti di Pechino. E’ possibile che i contrattacchi democratici tengano. Gli elettori possono credere all’argomento secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero rafforzare le loro alleanze di fronte alla minaccia cinese e che il presidente troppo spesso le indebolisce. Pechino ha una certa influenza sul presidente. Ritardando gli acquisti di materie prime agricole americane, la Cina potrebbe danneggiare le economie di importanti stati swing nel Midwest. Per Trump, la campagna contro la Cina potrebbe essere il suo colpo migliore per altri quattro anni al potere”.

Di più su questi argomenti: