cerca

Guardate l’età media di Inghilterra e Italia e capirete tutto sulla partita di oggi

Stasera a Wembley gli inglesi fanno allenamento per il Mondiale

27 Marzo 2018 alle 08:34

Guardate l’età media di Inghilterra e Italia e capirete tutto sulla partita di oggi

Il ct dell'Italia, Luigi Di Biagio (foto LaPresse)

Londra. Guardate l’età media delle due squadre, e capirete molto, se non tutto. Questa sera a Wembley l’Inghilterra farà un po’ di riscaldamento in vista dei Mondiali contro l’Italia. Più del ranking, delle bacheche, della storia, dei convocati e degli allenatori, l’età media delle due squadre è come il tappo delle bottiglie di vino da annusare per capire se stiamo per bere aceto o roba buona. 24,8 anni la Nazionale inglese, 28 quella italiana. Una delle due arriva da un percorso travagliato a livello manageriale ma quasi immacolato a livello sportivo, con la qualificazione mai a rischio e un gruppo che è cresciuto e migliorato negli ultimi due anni. L’altra è al suo anno zero, reduce da un’imbarazzante eliminazione, ma soprattutto da mesi di proclami sulla necessità di fare tabula rasa, ricominciare da capo, ricostruire con facce nuove e forze fresche. Una è il frutto del campionato più bello del mondo, l’altra di una imitazione a bassa risoluzione in cui la corsa al titolo è ancora virtualmente aperta solo perché la prima in classifica ha rallentato un poco dopo sei scudetti consecutivi. In una delle due squadre il giocatore più rappresentativo della storia della sua Nazionale, Wayne Rooney, ha lasciato un anno fa, a 31 anni. Nell’altra il capitano storico, Gigi Buffon, ancora spadroneggia a 40 anni suonati pur avendo versato lacrime amare in diretta tv annunciando il suo addio alla Nazionale dopo l’eliminazione dai Mondiali, e si offende anche se qualcuno glielo fa notare (non certo i giornalisti sportivi che fanno le pagelle, i quali gli darebbero 7 anche in caso di svenimento su retropassaggio di un compagno).

 

Non ho visto Argentina-Italia, c’è un limite anche al masochismo, ma ho letto che le riserve di una squadra che non vince un Mondiale dal 1986 (sì, lo so, sempre da meno tempo di noi) hanno passeggiato sui resti di un gruppo che doveva essere azzerato e invece è ancora lì a fare danni allo sport più bello del mondo. Questa sera ci racconteremo, ma soprattutto vi racconterete, che Inghilterra-Italia è comunque una sfida suggestiva e dal sapore antico, ricorderete il gol di Capello e quello di Zola, ce li sfracasserete ancora una volta con la storia delle due squadre e dei tre allenatori italiani ai quarti di finale di Champions, ma quando l’arbitro fischierà la fine della partita vi sveglierete di nuovo tutti sudati e con l’imbarazzo della scelta su come occupare quelle quattro settimane a cavallo tra giugno e luglio prossimi. Per noi sarà come allenarci contro Malta, Gibilterra o il Lussemburgo, senza offese per questi paesi ovviamente. Per voi una emozionante gita fuori porta. Ma non disperate, da una rapida occhiata ai siti dei giornali sportivi italiani ieri ho capito al volo che il futuro della Nazionale italiana è roseo e pieno di speranza. A proposito di volti nuovi e forze fresche, mentre il giovane Claudio Ranieri come un Cottarelli del calcio si diceva disponibile, il capo degli allenatori italiani, Renzo Ulivieri, parlando direttamente dagli anni Settanta diceva – evidentemente prima che gli suggerissero di posare il fiasco – che per lui l’Italia deve ripartire da Cesare Prandelli. Cazzata per cazzata, e bollito per bollito, perché non direttamente da Giampiero Ventura?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adrielli

    27 Marzo 2018 - 18:06

    ho capito dopo che si riferiva all'Inghilterra quando scriveva "sempre da meno tempo di noi..." comunque un articolo "odiosetto", per essere scritto da un non-italiano, e poco obiettivo, che non tiene conto che ci sono 3/4 "senatori", a partire da Buffon, che alzano la media dell'età terribilmente, ma che sono in procinto di uscire... Nel secondo tempo con l'Argentina (non è vero che fosse fatta di riserve) aveva trovato un ottimo equilibrio e un gioco superiore a quello degli argentini e se avesse messo dentro almeno una delle occasioni create (quella di insigne clamorosa) la partita non sarebbe finita com'è finita, con tutti i cambi nel finale che hanno rotto quell'equilibrio, e ora chi ha scritto questo articolo velenosetto (e tutta la stampa sportiva, sempre conformista e schierata col senno (?) di poi) sarebbe meno spocchioso e sguaiato nella sua critica. ;)

    Report

    Rispondi

  • adrielli

    27 Marzo 2018 - 16:04

    "...una squadra che non vince un Mondiale dal 1986 (sì, lo so, sempre da meno tempo di noi)..." solo che nel 2006 lo abbiamo vinto noi...

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    27 Marzo 2018 - 13:01

    Il goccetto di brandy ti attiva sempre in allegria i neuroni .Grazie a te ed al Il Foglio. Paese singolare calcisticamente l'Italia. Il nostrano giornalismo sportivo e non è sempre al capezzale della Giuventus ..E' l'unica squadra che entro il campionato e fuori preoccupa gli esperti. Nonostante abbia una panchina di 22 quasi fenomeni ( infila vincite al campionato di serie A in serie di 5) c'è sempre una nota su stampa e tv che annuncia che uno o più giocatori ha qualche acciacco,mai che qualcuno si preoccupi degli acciacchi dei giocatori del Frosinone.

    Report

    Rispondi

  • odradek

    odradek

    27 Marzo 2018 - 11:11

    Si, Jack, proprio come dici. Tutto vero, e lo rimarrà anche se stasera perdete.

    Report

    Rispondi

Servizi