cerca

Il guaio di Facebook è che somiglia a un gigantesco social barbecue

Dopo aver distrutto diversi matrimoni, il social network di Zuckerberg ha trovato il modo di farci fidanzare online

Annalena Benini

Email:

benini@ilfoglio.it

3 Maggio 2018 alle 06:20

Il guaio di Facebook è che somiglia a un gigantesco social barbecue

Foto di Rachel Scott Yoga, via Pixabay

Dopo avere distrutto o almeno messo in crisi molti matrimoni, Facebook si propone di costruirne di nuovi. Vuole promuovere, facilitare, alimentare relazioni serie fra gli utenti, grazie a nuovi sistemi di incontro e di innamoramento. Ma dai, pure tu sei nel gruppo di quelli che odiano il weekend? Ma dai, ti piace Lucio Battisti? Anche tu sei nel comitato: salviamo i boschi! Ci si potrà scrivere, incontrare e fidanzarsi, e spero più che posso che non sia soltanto sesso, alla Tinder, ha detto Mark Zuckerberg. Poi ognuno farà come gli pare, l’importante è che gli amici di Facebook non vedano che si è scelta l’opzione di incontrare sconosciuti.

 

L'app per rimorchiare è il segno che ormai Facebook è “un paese per vecchi"

Il social network ha annunciato che lancerà il suo Tinder. Ma puntare sul dating vuol dire investire su uomini e donne tra i 40 e i 50 anni di età, ossia la fascia più ampia di persone che si rivolge a questo genere di servizi

 

Anche se Facebook ha qualcosa di talmente famigliare, casalingo, rassicurante, che sembra impossibile che lì dentro esistano ancora gli sconosciuti e gli appuntamenti al buio. Ci sono gli amici in comune, i cugini degli amici, gli amici dei figli, le zie di terzo grado e i compagni del liceo. Il guaio di Facebook è che ci conosciamo tutti, e i gradi di separazione fanno pensare più a un gigantesco barbecue con i bicchieri di carta che a un luogo di appuntamenti. Però è vero che quasi tutti ci siamo iscritti, molti anni fa, per scoprire com’era diventato il nostro ex fidanzato del campeggio, e che fine aveva fatto la più bella della classe. E’ il posto giusto per i ripescaggi, per una seconda possibilità, e Facebook ci conosce talmente bene, avendo conservato memoria di tutti i nostri like, delle nostre foto di compleanno, dei piatti di carbonara che abbiamo condiviso e delle dure posizioni politiche che abbiamo espresso, che forse davvero potrebbe riuscire dove il destino ha fallito. E’ un progetto ambizioso: una relazione che duri nel tempo, più dello spazio di una chat di notte (su un canale parallelo a quello utilizzato per i soliti messaggi su Facebook, quindi dove non si può equivocare: chi scrive non sta cercando, come succede quasi sempre, di riunire tutta la classe di Ginnastica artistica del 1986, e non vuole nemmeno salvare i boschi, almeno non nell’immediato, non vuole neanche che mettiamo like alla sua pagina sulla riforma elettorale, grazie al cielo). Si chatta con la speranza che quella sia l’anima gemella, la persona a cui consegnare tutti i nostri dati ma volontariamente, solo per amore. Tutto quello che era nella zona grigia, in bilico tra gli auguri di compleanno e gli approcci di uno scocciatore che scrive ogni giorno: ciao che fai?, diventerà improvvisamente chiarissimo. Ma servirà un atto di coraggio e di responsabilità: sì, sono disponibile a incontrare ragazze che tifano Juventus e amano la pizza napoletana, ho intenzioni serie. All’insaputa degli amici, perché la vita parallela è sempre l’incentivo più forte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    03 Maggio 2018 - 10:10

    Da "Sex and the city" a Sex and the digit: tutto sommato da un "diario" di uno per tutti e tutti per nessuno di Facebook a una "black mail" face to face di quel furbacchione con la faccia da seminarista di Anagni di Marco Zuckerberg.

    Report

    Rispondi

Servizi