Sesso e arena. Il format unico della nuova Santa Inquisizione

Impiccalo più in alto. La violenza del sessuomane somiglia a quella di chi lo vuole appendere per i piedi. Il caso Brizzi ma non solo. Storia di un metodo cronistico che trasforma ogni accusa in un’occasione di linciaggio

Sesso e arena. Il format unico della nuova Santa Inquisizione

Il regista Fausto Brizzi (foto LaPresse)

Ci sono le perversioni e le molestie sessuali, ma c’è anche l’ossessione pubblica e social, c’è la malattia, il racconto di un disturbo aggressivo della sessualità, ma c’è anche la caccia alle streghe, l’eccesso, la violenza alla rovescia, la mutazione dell’inchiesta giornalistica in uno spettacolo sangue e arena, la tentazione del linciaggio televisivo e del processo sommario in diretta Twitter: impiccalo più in alto, come nel film con Clint Eastwood. “C’è un metodo sballato, e una deriva del giornalismo televisivo. Che non può essere spettacolo, circo e aula di giustizia insieme”, dice Aldo Grasso, il critico televisivo d’Italia. “Di questo rimescolìo di generi alla fine resta solo l’indignazione, il moralismo, una specie di sbornia da guaritori della società”.

 

Dieci donne raccontano di essere state molestate dal regista Fausto Brizzi, e vanno prese sul serio. Tremendamente sul serio. Ma nel caotico imbuto italiano, in un clima sempre iperbolico e dal ritmo sempre accelerato, dopo settimane di accuse senza un accusato, allusioni centellinate in televisione, dopo giorni di nomi sussurrati, ecco la calunnia anonima diventare una valanga pubblica. Non una denuncia di sistema, ma l’individuazione di un colpevole da giustiziare emotivamente e sommariamente. E così “a delle molestie sessuali si risponde con delle vere molestie giornalistiche”, dice Grasso. Ed ecco la gogna che suona sempre come uno spasmo bilioso e come un ordine al plotone di esecuzione. Un’ossessione che raccolta in rete produce reazioni intemerate di dileggio e persino di minaccia.

 

“Io non so cosa abbia fatto Brizzi. Magari ha fatto delle cose turpi”, spiega il critico del Corriere della Sera. “Però, come dire, un conto è se la sua vita viene rovinata dalla magistratura, un altro paio di maniche è se viene rovinata dalle ‘Iene’ di Italia Uno. Entri in una spirale così, in un format televisivo fatto così, e non ne esci mai più… Mi viene un brivido alla schiena”. Ed è il metodo che non funziona, pensa Grasso. Anche l’inquisizione spagnola metteva a morte e bruciava vivi. Talvolta metteva al rogo persino dei colpevoli. Ma se nel meccanismo della gogna televisiva, nell’inquisizione rapida ci finisce un innocente, che succede? E quando le cose sono meno semplici, più complesse di come possano sembrare, come si fa? Asia Argento, per esempio, è un tipo risoluto e sicuro di sé, almeno su Twitter. Non ha dubbi. Accusa Brizzi, gli dice che “non ci fai paura”, “querelaci tutte”. Poi però, uscita dal social, quando viene intervistata da Federico Pontiggia, sul Fatto, risponde così: “Brizzi? Non l’ho mai conosciuto, quindi non ne posso parlare, ciao”. Ma come?

 

E però leggendo lei, e le centinaia di altri commenti sui social, si capisce che il regista, che sarà anche un molestatore seriale, un bavoso, è già arrivato di fronte alla Cassazione di Facebook. E non ha scampo. Ecco dunque la tammurriata dei giudizi lombrosiani, scagliati con anonima spensieratezza su Twitter, uno per tutti: “Avete notato che sia Weinstein sia Fausto Brizzi hanno l’occhio sinistro identico? Stralunato, tipo di fuori, fissato, come psicopatico?”. Finisce che la violenza del sessuomane assomiglia a quella di chi lo vuole appendere per i piedi. E tutto rende l’idea del clima fuori misura in cui viviamo.

 

Si poteva non raccontare la storia? “No, ma c’è un problema nel modo di raccontare”, risponde Grasso. “Le Iene hanno avuto tanti meriti, e hanno fatto tante cose interessanti, anche se si sono abbandonati a delle stupidaggini pazzesche, in passato, come Stamina. Ma in questa storia di Brizzi, per come è stata costruita, prima con le denunce anonime contro un anonimo, poi con la spirale delle speculazioni sul nome, la studiata posologia con la quale le rivelazioni sono state distribuite, in quel contesto strambo che spettacolarizza l’indignazione, ecco tutto questo rivela che c’è qualcosa che non va. C’è un mix terribile, tra un balletto e una barzelletta”. In America ci sono il Newyorker e Angelina Jolie, noi abbiamo “Le Iene” e Asia Argento? “Detta così fa sorridere. Ma siamo sicuri che questo sia il lavoro dei giornalisti, che questo significhi informare?”, si chiede Grasso. “Non so. Può darsi che invece sia la deriva del giornalismo, una professione che per sopravvivere deve fare queste cose qui. Certo, è possibile che in passato il giornalismo, anche quello serio, abbia fatto enormi porcate. Però prima era tutto un po’ più riparabile. I tempi erano come dilatati. Adesso una volta che hai squarciato il velo non ne esci più: internet, social network…”. L’annichilimento morale e psicologico, immediato. Impiccalo più in alto. Ma fai veloce, ché poi c’è il balletto di Ilary Blasi con Teo Mammucari vestito da Zorro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    14 Novembre 2017 - 22:10

    Dimenticavo: come faceva Asia Ag, lungo-sapiente ma per sua ammissione mai coinvolta: spiava dal buco della serratura?

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    14 Novembre 2017 - 21:09

    Siamo in ballo o no? Dicano allora fino in fondo quali furono le turpitudini di Brizzi. Perchè, se si tratta per esempio di aver allungato una mano, beh, sono le signore che si devono ridimensionare non poco, potendo da sempre imbattersi in persone amanti della vita e in qualche modo gagliarde. Azioni più spinte -prescindendo dalla vera violenza carnale- me le posso figurare avvenire nel corso di un consesso già stabilito, e dopo mancata fuga dell'interessata (che, per carità, non avrebbe fatto proprio nulla di male a restare). Ma forse è troppo semplice, troppo armonico, che tutto si svolga cosí, amici come prima e magari un pò di più. O sono ingenuo, semplicista io, assai meno bello e, presumo, autoconfidente di Brizzi.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Novembre 2017 - 12:12

    Bromuro ,bromuro ,bromuro a tonnellate versate negli acquedotti .Le femmine rompono già le scatole di loro natura ed ecco ora le molestie per fare 31. Bromuro o castrazione . lds

    Report

    Rispondi

  • pattybella

    14 Novembre 2017 - 11:11

    Ho conosciuto Fausto Brizzi ad un premio letterario e ne ho avuto un'ottima impressione: un uomo estremamente garbato, riservato, mite, per nulla supponente, gentile e pieno di attenzioni con tutti. A me ha regalato un suo libro con una dedica. Mi rifiuto categoricamente di credere che possa essere l'orco di cui si parla in questi giorni. E' una vergogna scaricare palate di fango addosso ad una persona, rovinandogli la serenità familiare e la reputazione. Patrizia Porcaro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi