cerca

La meglio povertà

L'andamento della povertà in Italia dal 1990 a oggi

5 Aprile 2018 alle 17:43

I nostalgici dei bei tempi andati, che lamentano l’andamento crescente della povertà ai tempi dell’euro e della globalizzazione, dovrebbero leggere un bel resoconto pubblicato dalla Banca d’Italia dove, fra le altre cose, si osserva che la peggiore povertà recente gli italiani l’hanno conosciuta fra il 1992 e il 1993. Solo sul finire degli anni ’90 i poveri italiani hanno iniziato una traiettoria discendente durata per buona parte del primo decennio degli anni 2000, mentre aumentavano i poveri che abitano in Italia perché nel frattempo sono arrivati gli immigrati. Poi è scoppiata quell’altra crisi, e i poveri italiani sono cresciuti, ma assai meno degli altri poveri che vivono in Italia, ossia i nati all’estero. Senza costoro, i poveri italiani sarebbero all’incirca al livello d’inizio anni ’90 prima che arrivasse la peggio povertà del ’92. Chissà perché alcuni credono che quella, senza euro e immigrati, fosse migliore.

Maurizio Sgroi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Gaio Mario

    08 Aprile 2018 - 16:04

    Si vedano i redditi reali pro capite dei paesi del mondo pubblicati dalla Banca Mondiale al link http://databank.worldbank.org/data/reports.aspx?source=world-development-indicators# Secondo questi numeri, nel 1990 il reddito pro capite italiano era di 31 mila dollari PPP del 2011, ed è giunto a un massimo di 39 mila nel 2007, per scendere poi a 34 mila nel 2014 e risalire infine a quasi 35 mila nel 2016. Ancor più interessante il confronto con il reddito pro capite del mondo intero: quello italiano era pari a circa 3,5 volte il reddito medio mondiale tra il 1990 ed il 2002, ed era ancora un poco più del doppio nel 2016. Tenuto conto che la linea ufficiale italiana della povertà è 1/2 del reddito medio, ne segue che molti «poveri» italiani sono in realtà più ricchi del cittadino medio del mondo. Tutto è relativo, non è vero?

    Report

    Rispondi

Servizi