Spesa radicalchic

Giuseppe Fantasia

Al Mercato Campagna Amica in via San Teodoro: “Le zucchine di Nizza sono più croccanti delle fiorentine”

Se accettiamo i paradossi, entriamo in una dimensione sacra”, dice una signora ad alta voce alle Pratiche Filosofiche sulla Spiritualità condotte al Maxxi dal professor Riccardo Basso – proprio lei che l’ha scoperta – sostiene – “salendo sul Machu Picchu, diventando una sorta di Inca di duemila anni fa”. A noi basta invece scendere agli Horti Sallustiani, affittati da Netflix per il party della serie originale “Luna Nera” ambientata nell’Italia del XVII secolo.

 

Kasia Smutniak è la più fotografata mentre le tre registe Francesca Comencini, Susanna Nicchiarelli e Paola Randi sono rapite dalle zuppe di zucca e porcini, dall’arpa di Cecilia Lasagno e dalla musica dance di Catherine Poulain, che però non è parente di Amélie. Ivan Cotroneo e Maria Sole Tognazzi sono una super coppia, ma mai quanto il pr Paride Vitale e lo stylist Andreas Mercante, maestri nelle foto “con la risata finta”. Pilar Fogliati – davvero unica quando imita i dialetti romani, tra cui quello snob del liceo Chateaubriand – ha vinto il Premio Afrodite a palazzo Torlonia con Mara Venier, Paola Cortellesi, Andrea Delogu e Michela Andreozzi. Per sentire quella parlata – dimenticando quella più “ruSCtica”di Manuela Arcuri di Anagni all’apertura di un salone d’auto all’Eur – basta andare al Mercato Campagna Amica in via San Teodoro, emblema del “radical chicchismo 2.0”.

 

La vera “festa” è ai banconi di frutta e verdura: l’attesa è estenuante ed è tutto un vantarsi di scuole fatte (“Anche tu sei una Viscontina?”), viaggi (“Mai più Dubai, solo Mumbai”), problemi esistenziali (“la colf se ne va per un mese: ti rendi conto?”), consigli (“le zucchine di Nizza sono più croccanti delle fiorentine”) e ricette con l’oramai immancabile Topinambur, il tubero che è diventato un passepartout come un tempo lo furono la rughetta e le bacche di Goji. Aiutateci!

Di più su questi argomenti: