Photo by Giammarco on Unsplash 

preghiera

Amare l'impossibile è una malattia, speriamo in un presidente che se ne accorga

Camillo Langone

Biante di Priene (chi era costui?) lo sapeva. Peccato fosse greco e pure morto. Ma andrebbe bene chiunque si allontani da formule quali emissioni zero, evasione zero, disuguaglianza zero, contagi zero

Fossi un grande elettore, voterei Biante di Priene. E pazienza se è greco e se è morto: al Quirinale ci vorrebbe Biante di Priene. Anche a Palazzo Chigi, per non parlare di Bruxelles. Ci vorrebbero dozzine di Biante di Priene, in tutti i posti chiave, ma intanto comincerei dal Colle. Biante di Priene nemmeno sapevo esistesse prima di avere tra le mani “Proverbi, sentenze e massime di saggezza in Grecia e a Roma” (Bompiani), un monumento (2.410 pagine) dell’editoria e della civiltà. E della politica, potenzialmente. Biante di Priene era uno dei Sette Sapienti, un filosofo vissuto in Asia Minore nel sesto secolo avanti Cristo. Fra i suoi detti magnificamente realisti, tutti raccolti nel volumissimo Bompiani, ecco quello che fa al caso nostro: “Amare l’impossibile è una malattia dell’anima”. Fossi un grande elettore voterei per chiunque considerasse gravemente e pericolosamente malati i sostenitori di formule quali emissioni zero, evasione zero, disuguaglianza zero, contagi zero.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).