cerca

L'Autosole dimostra che le grandi opere non sono mai abbastanza grandi

L'asfalto e il cemento non bastano mai. Le auto si sono allargate, i camion si sono ingigantiti, il traffico è esploso, mentre il tracciato è rimasto in massima parte quello del 1964

5 Settembre 2018 alle 06:00

L'Autosole dimostra che le grandi opere non sono mai abbastanza grandi

Foto LaPresse

Le grandi opere sono troppo piccole. Una notte di moderato contro-esodo (estate morente, parecchio traffico fino a tarda ora ma niente code) mi sono trovato a fare l’Autosole da Roma a Parma. Era da tanto che non la percorrevo per così gran tratto e forse di notte non mi ci ero avventurato mai. Mi è sembrata terribilmente angusta: le corsie troppo strette e troppo poche, le curve troppo strette e troppe. Anche la famosa Variante di Valico (laddove finalmente trovi gallerie larghe e ben illuminate) è troppo poco: solo una manciata di chilometri, e poi di nuovo gimcane e strettoie fino a Cantagallo. Da quando l’Autostrada del Sole è stata inaugurata (1964) le auto si sono allargate, i camion si sono ingigantiti, il traffico è esploso, mentre il tracciato è rimasto in massima parte il medesimo. E ciò che risultava clamoroso al tempo del primo governo Moro oggi è semplicemente asfittico. Terrorizzato da pullman mastodontici che superandomi in curva a velocità folle inevitabilmente mi sfioravano, ho pensato che le grandi opere non sono mai abbastanza grandi, che l’asfalto e il cemento non bastano mai. E ho pregato, oltre che per la mia incolumità immediata, per la crescita serena delle carreggiate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    05 Settembre 2018 - 15:03

    Beh, semmai, più che la crescita delle carreggiate, questa constatazione fa capire che a furia di crescite si creerà un mondo artificiale, tutto cementificato, asfaltato e plastificato. Le curve in autostrada vanno benissimo, le trova anche nelle autostrade inglesi, servono a rispettare il paesaggio e a evitare bolidi col piede addormentato sull'acceleratore (e conseguenti pericoli).

    Report

    Rispondi

Servizi