cerca

La forza di Al Bano

A Golferenzo hanno dato al cantante la cittadinanza onoraria, siccome ci aveva fatto il vendemmiatore nel remoto 1962

17 Luglio 2018 alle 06:17

La forza di Al Bano

Foto LaPresse

Cercando Arbasino trovo Al Bano. Approfittando di una sosta vogherese vado alla ricerca delle case del mio maestro Alberto Arbasino: quella dov’è cresciuto la identifico facilmente, in via Emilia 133 (fra l’altro c’è ancora uno studio legale Arbasino), ma quella dove nel 1930 è nato, in via Mazzini 6, no, il civico non esiste più, chissà cos’è successo. Mi consolo facendo colazione al Bar Liberty dove leggo la Provincia Pavese e una notizia incredibile: nel vicino paesello di Golferenzo hanno dato ad Al Bano la cittadinanza onoraria, siccome ci aveva fatto il vendemmiatore nel remoto 1962, diciannovenne. Quest’uomo è una forza, torna dopo 56 anni sul luogo di una umile, faticosa stagione di lavoro da emigrante meridionale, ritira una targa-ricordo che io non la appenderei nemmeno se mi pagassero, si presta alle foto, firma autografi, si mette a parlare dei “valori della tradizione contadina” con un’espressione radiosa che quasi gli si crede... E allora a Voghera prego di imparare a scrivere come Arbasino e di imparare a vivere come Al Bano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi