Meteore

Mattia Santori e l'incapacità, in un mondo che cambia, di cambiare registro

Essere sardine nella stagione del distanziamento sociale.

Salvatore Merlo

Mattia Santori ha letto su Facebook una letterina rivolta alla sinistra e a Nicola Zingaretti. E nel giro di poche ore è finito invece a occupare la colonnina destra dei giornali online. Lì, in quel luogo ottundente che i grandi quotidiani italiani dedicano a pezzi imprescindibili come “Che fine ha fatto Alessia Merz?”, “Guarda il gatto che suona il pianoforte” e soprattutto “Tagliatelle ai porcini: la ricetta in due minuti”

Di più su questi argomenti:
  • Salvatore Merlo
  • Milano 1982, vicedirettore del Foglio. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.