cerca

L’Europa ha cambiato il cambiamento

La maratona brussellese ha piegato i sogni gialloverdi. Qui è tutta propaganda

5 Luglio 2019 alle 06:01

L’Europa ha cambiato il cambiamento

Al ritorno dalla maratona di Bruxelles (risultati, buon viso a cattivo gioco sulle nomine franco-tedesche e blocco della procedura d’infrazione), Giuseppe Conte è stato accolto da molte reazioni e altre ne ha fornite; ma la più curiosa è di Luigi Di Maio: “Se qualcuno pensa di farci chinare la testa nominando Lagarde alla Bce prende un abbaglio. Noi andiamo avanti per la nostra strada”. Ora, è spericolato immaginare che Emmanuel Macron e Angela Merkel, al momento di trasferire la cosmopolitissima e navigatissima Christine dal Fondo monetario alla Banca centrale europea abbiano avuto per assillo di far piegare la testa ai grillozzi italiani. Ma, come per la spazzatura romana, si sa che i 5 Stelle si trastullano con megagalattici complotti che impediscono il loro bellissimo cambiamento, contro i quali si battono a mani nude.

 

La sconfitta europea della linea Conte vista dalla Lega

Il premier avrebbe obbedito al veto di Salvini sul socialista Timmermans. Le incertezze sul commissario italiano, e l'ipotesi di un rimpasto di governo

 

Anche Matteo Salvini ha molto da trangugiare, ma almeno rumina in attesa di incamerare un commissario. Per bloccare la procedura per debito Conte non solo ha portato a Bruxelles una correzione di bilancio di 7,5 miliardi, ma soprattutto si è impegnato a rispettare per i prossimi anni il Fiscal compact. Il che impedisce di fare la flat tax in deficit (la Lega ripiega ora su un “l’importante è pagare meno tasse”), così come di insistere nello smantellamento della riforma Fornero. Al Capitano non resta che sfogarsi nei video contro la capitana Carola, buoni per i sondaggi di giornata. Ma ciò che è più vistosa è la metamorfosi del premier. Da avvocato del popolo si è reincarnato nel perfetto civilista qual era fino a giugno 2018: anzi, nel vicepresidente del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, l’equivalente del Csm per Consiglio di stato e Tar. Ha assistito alla partita delle nomine apprezzando sia Merkel sia Macron, appoggiando sia gli euroscettici di Visegrád sia gli europeisti franco-tedeschi, elogiando tanto Madame Lagarde quanto Lady Von der Leyen. Ha ragione quando dice che ha ottenuto il massimo alle condizioni (minime) date: in questo massimo c’è che l’Italia resti nel board della Bce e che le imminenti revisioni di rating non siano quelle temute. Un doroteo, si sarebbe detto, e oggi non è un demerito.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi