cerca

Di Maio si dimetta, ma non da ministro: da figlio

Il vicepremier grillino obbliga suo padre a una umiliante video confessione: “Mi dispiace”. Il format del Medioevo

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

3 Dicembre 2018 alle 21:10

Di Maio si dimetta, ma non da ministro: da figlio

Antonio Di Maio in un fotogramma del video “di pentimento” pubblicato su Fb

Roma. Adesso Luigi Di Maio dovrebbe dimettersi, ma non da ministro: da figlio. Come in una triste parodia dei funzionari stalinisti, lunedì mattina quelli dello staff della Casaleggio Associati, piccoli Berja senza la demoniaca grandezza del vero orrore, sono andati a casa Di Maio, a Pomigliano, con una telecamera. E lì, mandati dal figlio Luigi, hanno fatto pronunciare al papà Antonio un’autoaccusa di cinque minuti e trenta secondi, una confessione di pentimento, un autodafé, un video diffuso via Facebook con...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    08 Dicembre 2018 - 19:07

    Da un lato, la modestia, la dignità, la semplicità di un padre, dall'altro, la stupidità, la vanagloria di un uomo che non ha alcun rispetto per il padre, il quale è stato costretto dallo stesso figlio a fare, faticosamente, un mea culpa, per discolpare il figlio e presentarlo al popolo, come un santo benefattore. Tutto ciò non è che uno specchio del gap generazionale diffuso non solo nel Sud d'Italia , ma in altre parti dell'Italia e del mondo. In questo particolare caso, descritto molto bene in questo articolo, ci si trova difronte alla miseria morale, dettata dall'ignoranza, di un giovane che pretende fare il capo di governo..

    Report

    Rispondi

  • luciano.pellegrini59

    04 Dicembre 2018 - 18:06

    Questa miseria umana non la si sarebbe potuta descrivere meglio. Toccherà lasciargli la scorta a lui e all'altro, il truce, appena dovranno far scendere il loro deretano dallo scranno che indegnamente occupano

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    04 Dicembre 2018 - 15:03

    Mica glielo auguro, Finirà impiccato all'asta su cui ha innalzato la bandiera delle cinque onestà. I figli possono non avere colpa di quanto fatto dai loro padri, ma possono fare peggio di loro.

    Report

    Rispondi

  • gsamico

    04 Dicembre 2018 - 12:12

    Cosa possiamo aspettarci da chi mette per strada vecchi e bambini senza alcuna resipiscenza. Questi sono de miserabili. Punti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi