cerca

L’orrore Corbynista

Un saggio di Berman spiega perché è da matti costruire l’alternativa al populismo con il metodo Corbyn

12 Agosto 2018 alle 06:04

L’orrore Corbynista

Foto LaPresse

Che Jeremy Corbyn sia visto come una sorta di salvatore è la prova dello sfinimento della sinistra europea. Ovviamente, è facile capirne il perché: sebbene all’opposizione, a paragone di ogni altro partito socialdemocratico del continente il Labour è ancora relativamente forte (grazie principalmente al sistema elettorale inglese). Ma ogni progressista che conosca la storia (e che voglia davvero vincere le elezioni) dovrebbe, come ha scritto James Kirchick, tenersi alla larga dal corbynismo. Perché, sostiene l’autore di “The End of Europe: Dictators, Demagogues and the Coming Dark Age”, da una vita Corbyn è un “utile idiota” di Mosca, un estremista euroscettico, antiamericano e antisemita.

 

Non c’è dubbio che il declino del centro-sinistra degli ultimi anni sia preoccupante. Dieci anni dopo l’inizio della peggiore recessione economica dalla Grande Depressione (una crisi causata in buona parte dalla leggerezza del settore privato) i partiti che sono stati puniti sono principalmente quelli di sinistra mentre i partiti premiati sono principalmente quelli di destra.

 

Perché?

 

Per rispondere a questa domanda un gruppo di studiosi ha pubblicato lo scorso autunno un libro intitolato, “Why the Left Loses: The Decline of the Center-Left in Comparative Perspective”.

 

Sheri Berman, una professoressa del Barnard College, raggruppa le risposte intorno a tre fattori. Il primo riguarda i leader. Le personalità in politica contano; e per vincere, il centro-sinistra ha bisogno di leader in grado di comunicare con un elettorato diversificato ed esigente. Ma com’è naturale, gli individui ambiziosi e di talento sono attratti da quei partiti che sembrano essere davvero in grado di affrontare le sfide dell’oggi. Non è un caso che l’unico leader di centro-sinistra alla guida di un importante paese occidentale non sia Corbyn, ma il canadese Justin Trudeau, una figura carismatica che ha risvegliato gli elettori con il suo messaggio ispirato alle “sunny ways”, la filosofia di Sir Wilfrid Laurier.

 

Il secondo fattore indicato da Berman ha ovviamente a che fare con i cambiamenti strutturali che oggi costituiscono la principale sfida per tutti i partiti, in particolare per quelli di centro-sinistra. Specie se si considera la natura dei sistemi economici del periodo successivo alla Seconda guerra mondiale, con ampie forze lavoro sindacalizzate, ampi settori manifatturieri, economie regolate e reti di protezione sociale. Un’economia sociale di mercato (prevalente perfino negli Stati Uniti) ideata fondamentalmente dalla sinistra. Perciò, sostiene Berman, quando questo intero sistema si è sentito minacciato dalla globalizzazione e dalla rivoluzione informatica (e poi dalla crisi finanziaria), è stata la sinistra a ritrovarsi spiazzata e a subirne le conseguenze. Inoltre, i partiti di centro-sinistra sono stati sfidati dai cambiamenti sociali e culturali che hanno messo in discussione le identità tradizionali e le comunità (un processo ulteriormente esacerbato, specie in Europa, dall’immigrazione in aumento). Insieme, queste tendenze hanno contribuito ad erodere la coesione sociale che nel Dopoguerra aveva sostenuto l’ordine socialdemocratico ed aiutato a stabilizzare le democrazie europee.

 

Ovviamente, non sta scritto da nessuna parte che i cambiamenti economici, sociali, culturali e istituzionali condannino il centro-sinistra all’oblio. Rappresentano piuttosto delle sfide e la reazione degli elettori e l’evoluzione del sistema politico dipenderanno dalle risposte che il centro-sinistra saprà elaborare. Il guaio è che il centro-sinistra manca di riposte convincenti e coerenti; manca, in altre parole, e veniamo al terzo fattore indicato da Berman, di un messaggio convincente per affrontare la crisi; e manca di una visione più ampia in grado di promuovere la crescita e proteggere al tempo stesso i cittadini dagli aspetti più duri del mercato.

 

Al centro-sinistra è anche mancato un messaggio persuasivo su come rapportarsi alla crescente diversità e una visione della coesione sociale appropriata alle realtà culturali e demografiche in mutamento. Insomma, sostiene Berman: “Non si può battere un avversario con niente” e se il centro-sinistra non troverà messaggi allettanti, in grado di risolvere i problemi dell’oggi, e una visione più attraente del futuro di quella offerta dai propri avversari, “continuerà a scivolare verso la pattumiera della storia”.

 

Quello che nel 1893 August Bebel aveva bollato come "socialismo degli imbecilli” era l’antisemitismo mascherato da anticapitalismo. E come afferma Kirchick, poche cose possono essere più stupide di una sinistra europea votata alle politiche di Jeremy Corbyn.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Agosto 2018 - 16:04

    Buttiamola sul semplice. Basta un strofa: al csx sono nella malinconica, desolante condizione del "Le nostre labbra inaridite, non hanno più parole" Quelle d'ordine e di propaganda adoperate nell'ultimo secolo, sono rinsecchite. Trovarne di nuove, assimilabili senza mal di pancia e richiami della foresta, alla S, è impresa sovrumana, Maxime per la cultura della S.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    12 Agosto 2018 - 22:10

    Che la sinistra britannica di affidi ad un’ antisemita e’ orrendo, più della Brexit. Vivo in un tempo in cui tutto il peggio diventa il meglio. Nel passato, avvolto dalla nuvola rosa della nostalgia, rivedo Blair, Clinton, Obama. Hanno commesso errori, ma li rimpiango.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    12 Agosto 2018 - 14:02

    L'intervista a Orfini sul Foglio di qualche giorno fa sembra la premessa a questo pezzo.

    Report

    Rispondi

  • manfredik

    12 Agosto 2018 - 08:08

    Sembra che Benjamin Franklin durante la guerra di indipendenza contro gli Inglesi abbia detto "dobbiamo restare uniti per non farci impiccare uno alla volta". O gli Europei si rendono conto che nel mondo di oggi siamo, tutti assieme (400 mil) il 5% della popolazione del pianeta, quindi praticamente niente, o ci condanneremo a non contare niente. Anche gli Americani sono "pochi", ma sono uniti nella difesa dei loro interessi e hanno la forza per farlo. Molti hanno convenienza che l'Unione Europea sparisca, e trovano una buona sponda nelle due "estreme" (dx e sx) della politica europea; che ancora una volta si toccano e si aiutano, sperando alla fine di prevalere. L'ideologia al posto del pragmatismo è il prodotto più "made in Europe che ci sia. E' dura se il centro moderato non si fa vivo.

    Report

    Rispondi

Servizi