cerca

L’emergenza è Salvini al Viminale

Usare un linguaggio razzista per diffondere poveri e indecenti concetti allo scopo di fomentare e usare le paure fa di Salvini un ministro pericoloso ma non fa dell’Italia un paese razzista. Il Truce e le nuove parole del consenso

30 Luglio 2018 alle 20:27

L’emergenza è Salvini al Viminale

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Il Truce è un razzista, uno xenofobo attivo, e un furbo fesso. Di tutto questo ha scarsa contezza. Il demagogo giovane, inesperto, e questo entro certi termini vale anche per il suo vice socio, non sa distinguere tra la funzione pubblica in materia di sicurezza e di governo e il putridume del linguaggio privato, occasionale, mefitico e ribaldo, che colpisce chi ha un altro colore della pelle e labbra spesse o una fisionomia forastica e un accento pesante e spesso di una sonorità ridicola all’orecchio bianco e nativo. E’ razzista quando dice: “Il razzismo non c’è, ma gli immigrati delinquono”, come se non sapesse che certi reati di strada e di forte allarme sociale da sempre sono principalmente appannaggio dei miserabili, e certo nella scala dell’integrazione sociale e del benessere la “pacchia” degli immigrati in Italia è assai relativa, che un terzo dei reati di strada sia ascrivibile a gente disintegrata che viene da fuori può stupire, appunto, solo un fesso. E’ razzista quando si volta dall’altra parte, o giù di lì, di fronte a un suo fan che spara ai neri a Macerata, all’impazzata, credendo di vendicare una povera ragazza finita male, tragicamente, e divenuta simbolo della “violenza dei nigeriani”, dei neri. Bossi raccontava barzellette sui bingo bongo, sfruculiava il razzismo e la xenofobia domestica nella forma del nativismo, che è un male capace di infettare qualunque popolo o sezione di popolo, è una postura d’insolenza e di violenza verbale, e nel privatissimo di una battuta di cui si vergogna Berlusconi non ci è andato piano nel commento su una fidanzata di Balotelli. Ma i due avevano altro per la testa, la libertà dallo stato fiscale e magari il federalismo o l’invenzione di una nazione mai vista, la fumettistica e ambigua Padania.

 

Migranti e criminalità, c'è davvero un allarme come dice Salvini?

Secondo il pre-rapporto sulle carceri presentato oggi dall'associazione Antigone “non c’è un’emergenza stranieri, non c’è un’emergenza sicurezza connessa agli stranieri”

 

Nella testa del Truce, al contrario, alligna l’invenzione di un popolo che non vuole convivere con la realtà, che vuole respingere, espellere, magari impallinare, dare la caccia a quelli che non sono confortevolmente italiani e bianchi. E quando queste invenzioni diventano oratoria politica di uno che ha successo, che ha chiesto e ottenuto un certo consenso, e ora che è al governo vuole moltiplicarlo con questi mezzi, sono guai. La mia impressione è sempre stata, a leggiucchiare di storia e cultura, che noi non c’entriamo gran che con il razzismo biologico nel senso in cui l’espressione può essere usata in Europa per i polacchi, per i tedeschi, per gli austriaci e in parte per la Francia cosiddetta de souche, del profondo, o per i nordamericani del sud, in particolare, eredi di una civilizzazione fondata sulle pratiche della schiavitù e poi di lunghi anni di segregazione. Però abbiamo avuto le leggi razziali, e una condiscendenza diffusa, anche culturale, verso le radici intellettualmente pietose e moralmente rancide del razzismo e dell’antisemitismo. Secondo me, in materia di razza, se esista poi la questione, e di nativismo, il popolo in Italia si farebbe volentieri i fatti suoi, può sbertucciare, irritarsi, maramaldeggiare sugli zingari, ma dare fuori di matto, perseguitare e imporre soluzioni di forza aberranti, non mi pare il tratto dell’arcitaliano. E’ il tratto possibile delle sue classi dirigenti quando del popolo fanno l’uso alla Truce. Da noi mancano principi universalistici saldi, non siamo un posto da dichiarazioni dei diritti dell’uomo e del cittadino, l’esecuzione del Duce non ebbe nulla del martirio regicida, niente della sua solennità cupa, della sua inevitabilità tragica, fu una vendetta, un reato di strada per così dire. Siamo brava gente, anche molto cattiva, che ha saputo fare buon uso del proprio cinismo, di una assoluta mancanza di idealismo, di una mollezza di princìpi che affascina e stuzzica i viaggiatori del bel paese, anche brutto quando vuole, da che mondo è mondo. Il razzismo come tragedia moderna ci sarebbe virtualmente estraneo.

 

Dispersi e senza Patria, quando qualcuno se la inventa a nostro nome, e chiama miticamente alle armi con discorsi che coincidono con fatti orrendi di spregio sociale e razziale, lì comincia a manifestarsi però un vero problema. Non so se ci sia un’emergenza razzismo, certo il Truce può stare sicuro. Se continuerà a usare quel linguaggio e a diffondere quei poveri e indecenti concetti allo scopo di fomentare e usare le paure, sarà sempre più e meglio seguito. Il che è un’emergenza: l’emergenza Salvini al Viminale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    31 Luglio 2018 - 14:02

    Nei tiggì sta montando il coro sul pericolo del razzismo crescente. Sarà. Anzi, è proprio così. Mi ricordo anche che solo pochi mesi fa, sempre nei tiggì, andava di moda il coro sul pericolo del fascismo crescente. Peraltro sparito dopo il voto di pochi mesi fa.

    Report

    Rispondi

    • stearm

      31 Luglio 2018 - 16:04

      Non guardo i tiggì. Vado al bar a prendere il cappucino. Non chiamiamolo razzismo, non sarà nemmeno poi un fenomeno crescente. Chiamiamolo clima di intollerabile ignoranza dialettica generalizzata. A prescindere dall'argomento.

      Report

      Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    31 Luglio 2018 - 14:02

    Caro Ferrara, i tentacoli del modus vivendi, cogitandi, suona molto generoso, attuale, sono luciferini, incatenano e privilegiano l’effimero, il carpe diem come metodo di vita, come alternativa al fare e al dire le cose come stanno. Ratio impone: siamo immersi nell'ubriacatura folle procurata dalla libertà senza responsabilità che interessati coppieri hanno versato ad libitum, nelle fauci bramose e sbavanti delle masse. N’è derivata “l’ottusa e feroce religione dei diritti”, Ferrara dixit. Finirà, ineluttabilmente, come prevedeva Platone. Non servirà chiamare la dittatura con neologismi politici-economici-sociali allettanti, di comodo, mielosi e truffaldini, la sostanza non cambierà. Uno sguardo al time line della storia dell’uomo lo conferma. Non crede sia maturo il tempo di fare una bella chiacchierata con la cara Libertà?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    31 Luglio 2018 - 13:01

    I grillozzi avanzano nel consenso con tautologie e affermazioni apodittiche ( metodo Rocco Casalino) ,gli altri si oppongono scelleratamente con metonemie e sineddoche. Sotto sotto non va trascurato il sofisma di primo tipo buono per tutte le stagioni magre.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    31 Luglio 2018 - 10:10

    Si può ancora commentare Ferrara o comunque è inutile visto che poi il commento non viene pubblicato? Fra' Martina campanaro dice che c'è in atto un'escalation di razzismo: ieri si è passati dai pallini alle uova nei confronti dell'atleta italo-nigeriana. Se è così è più che altro una de-escalation, magari invece che colpi d'arma da fuoco tirassero sempre delle uova. Salvini razzista? Bah, uno che fa eleggere il primo senatore nero della repubblica è un razzista? Questo senatore è solo una foglia di fico? Io non credo, ci sono parecchi immigrati regolari che la pensano come lui. In ogni caso Salvini non sarà un intellettuale della Magna Grecia, come Agnelli definì De Mita per i suoi "ragionamendi", ma è efficace e coglie nel segno anche quando sbaglia, come per la nave Diciotti. Intanto per adesso, in un momento di solito assai propizio per gli sbarchi, anche in era Minniti, la situazione pare messa ancor meglio. Forse era necessario essere truci per mandare un messaggio agli scafisti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi