cerca

Il sorpasso della Lega su Forza Italia nel centrodestra che non perde

Azzurri fagocitati da Salvini al nord, il crollo del Pd al sud non aiuta il partito di Silvio Berlusconi. La coalizione ha comunque la maggioranza relativa dei seggi, ma non basta. Cronaca di una notte elettorale non da “grande festa”

5 Marzo 2018 alle 03:32

Il sorpasso della Lega su Forza Italia nel centrodestra che non perde

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Che non ci fosse aria di “grande festa” si era capito subito, quando a Forza Italia hanno scelto di non farsi proprio vedere. Da Nord – dove gli azzurri sono stati fagocitati dalla Lega – a Sud – dove il crollo del Pd ha portato al trionfo del M5s – nessuno aveva molta voglia di parlare. A contenere la doppia botta che era in arrivo ci hanno pensato in stereo i due capigruppo, Paolo Romani (dalla tv) e Renato Brunetta, dalla Camera dei deputati dove ha allestito un piccolo comitato. Intanto, alla sede di San Lorenzo in Lucina, l’ufficio elettorale di Gregorio Fontana, raccoglieva i dati e provava a diffondere ottimismo. L’unico positivo e incontrovertibile è che “la coalizione di centrodestra ha vinto ed è la prima realtà politica del paese”. Dopo la nota, prima Romani ha snocciolato i dati, poi Brunetta ha raccontato che “avendo noi vinto, ci sarà la corsa a venire con noi, ci saranno dei responsabili…”.

 

Tutte le proiezioni, però, segnalano che gli azzurri sono lontanissimi dalla soglia che avevano sperato di poter raggiungere, quel 40 per cento che avrebbe consentito di ottenere la maggioranza. “Non avevamo previsto il crollo del Pd, i cui voti sono andati al Movimento 5 stelle, che ha preso i collegi del Sud”, aggiunge il capogruppo uscente, che anche dice di essere in corsa per il ministero dell’Economia. Se Silvio Berlusconi tace, rassicura i suoi che le cose potrebbero riaprirsi coi voti veri e dice, però, di “avere fatto il massimo”, di essersi sottoposto a una prova complicata, come “dieci trasmissioni televisive in un giorno”, scotta lo smacco del sorpasso della Lega. Matteo Salvini ha personalizzato lo scontro con Matteo Renzi e sembra essersi avvantaggiato delle difficoltà del Pd. Non solo. Ma la sudditanza nei temi o la timidezza nell’imporre una propria agenda ha fatto sì che il centrodestra facesse il pieno in tutto il Nord, ma che gli azzurri finissero fagocitati proprio dalla Lega.

 

A tarda notte Forza Italia in Lombardia e in Veneto, dove la Lega è fortissima, erano al 15 e al 10 per cento. “Deciderà il premier il partito che avrà più seggi”, ha provato a puntualizzare Brunetta, contando su un risultato migliore del partito di Berlusconi al Sud rispetto alle percentuali del Nord. E’ in Campania e in Sicilia, dove il M5s fa il pieno, che gli azzurri riescono a sfiorare quota 20 per cento. Non è bastato il risultato al di sotto delle aspettative di Noi con l’Italia, il partito centrista di Maurizio Lupi, Lorenzo Cesa e Raffaele Fitto. Fratelli d’Italia ottiene un buon risultato, ma subisce pure lui la concorrenza della Lega. Ignazio La Russa, però, si è chiaramente sfilato da una ipotesi di “alleanza tra noi, la Lega e il Movimento 5 stelle”. Il segretario leghista si limita a un tweet in maiuscolo: “GRAZIE”. Gli sherpa dei tre segretari si sono già consultati durante la notte, ma si sono dati appuntamento a lunedì sera, quando arriveranno i risultati definitivi. Il “sorpasso” leghista non è soltanto uno smacco morale per il fondatore di Forza Italia, ma si traduce in una complicazione per il quadro politico. Come potrebbe il segretario leghista allargare il perimetro della maggioranza, cosa che invece Antonio Tajani poteva fare agilmente? Accetterà il leader leghista di fare un passo indietro? Difficile immaginarlo. Per questo ad Arcore si spera in un ribaltone, che il coordinatore siciliano forzista Gianfranco Miccichè faccia il miracolo di portare a casa una percentuale sufficiente a pareggiare i conti con il Carroccio e a sbloccare la situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Lou Canova

    05 Marzo 2018 - 16:04

    Bisognerà anche aprire una riflessione su come e quanto il berlusconismo, lisciando (furbescamente?) il pelo alla destra populista e sfascista, in realtà più che creare e consolidare una destra liberale e moderna di livello europeo si avvii a consegnare gratis tutto il suo consenso al protezionista autarchici in felpa.

    Report

    Rispondi

  • dinissag@hotmail.com

    dinissag

    05 Marzo 2018 - 14:02

    Igino Garbini Ma i mezzi di comunicazione controllati da Berlusconi per tanti anni hanno accarezzato il populismo Padano in tutti i modi possibili. Il tossico “TG4” ogni sera ha presentato la testimonianza di qualche vecchietto malmenato dai Rom, la testata di Montanelli è da tempo inquinata da violenti fomentatori d’odio. Poi in prima serata arriva l’apocalittico Del Debbio. . . Insomma, mi pare che dopo aver innaffiato i semi del risentimento, della reazione, del sovranismo, dell’identità culturale, dell’appartenenza tribale etc. questi risultati elettorali non dovrebbero stupire più di tanto.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Marzo 2018 - 13:01

    Salvini rincorso da anni da tutti i canali televisivi è divenuto una presenza costante nel nostro quotidiano .Pannella che aveva un suo personale osservatorio che contava anche i secondi di esposizione televisiva ci avrebbe paventato il successo di Salvini come prima aveva fatto con Grillo che il primo anno pur non concedendo interviste i media tivvù se ne impossessarono e lo ripassarono in tutte le salse h24 di qui il successo.Ancora c'è qualche abboccone che non crede nella potenza estrema dell'esposizione televisva. Anche i giornali hanno la stessa potenza quando fanno campagne ossessive tutti i giorni in particolare quandlo lanciano merda.

    Report

    Rispondi

  • p.ascari

    05 Marzo 2018 - 11:11

    ah "non è da grande festa"? che peccato..... ed io che vi credevo lì a stappar bottiglie..... quando vi sveglierete e vi renderete conto che siamo nella merda gialla, anche perchè il vostro amico "genio" ha scherzato con fuoco e si è alleato col diavolo, sarà sempre troppo tardi. Voleva Renzi morto? Eccolo. Mò si ritrova Salvini e Di Maio, che insieme fanno il 50%. Buona fortuna (a noi, più che altro).

    Report

    Rispondi

Servizi