cerca

Raggi va finalmente da Calenda e gli dice: "Mi dia del lei"

Al ministero dello Sviluppo Economico il faccia a faccia tra il sindaco di Roma e il ministro. Venticinque minuti, forse tra i più surreali nella storia degli incontri istituzionali

5 Ottobre 2017 alle 20:19

Raggi va finalmente da Calenda e gli dice: "Mi dia del lei"

Virginia Raggi all'uscita del ministero dello Sviluppo Economico (foto LaPresse)

Roma. Venticinque minuti, forse tra i più surreali nella storia degli incontri istituzionali. E se al fondo di tutto non ci fosse Roma, con i suoi guasti e il suo declino industriale, se ne potrebbe sorridere. E’ tardo pomeriggio quando Virginia Raggi fa il suo ingresso al ministero dello Sviluppo, in via Veneto, dove da circa due settimane la attende Carlo Calenda, il ministro che tenta di far passare questo benedetto piano industriale per il rilancio di Roma ma incontra la freddezza del Pd e la confusione inafferrabile del M5s. In sintesi il tavolo doveva tenersi già l’altro ieri, il 4 ottobre, ma prima Raggi non rispondeva alle lettere di convocazione, poi continuava a non rispondere nemmeno a telefono (“pronto sono il ministro, c’è il sindaco?” “Uhm, mo’ vediamo”), e infine, soltanto quando Calenda si è lamentato con la stampa, la sindaca si è fatta viva con un sms.

 

Palazzi romani in tilt

Non solo Raggi. Il piano su Roma di Calenda diventa il metro per misurare i rapporti di forza nel Pd e nel governo

 

E insomma il sindaco Raggi finalmente arriva al ministero, indossa un sorriso stirato e a Calenda che le offre il “tu” oppone immediatamente il “lei”, come una barriera. Si comincia male. E si prosegue male. Per i primi cinque minuti, Raggi, con uno sguardo vuoto puntato sul nulla, monopolizza la conversazione abbandonandosi a un pistolotto il cui senso pare sia stato, all’incirca: sono offesa che “lei” abbia raccontato ai giornalisti che non rispondevo… E qui ci si può soltanto immaginare l’espressione del povero Calenda, che deve aver pensato di aver a che fare con una ragazzina di quindici anni. Impressione probabilmente rafforzata dal seguito della conversazione, quando la sindaca pare abbia insistito nel chiedere poteri speciali per Roma (“vorrei che al tavolo partecipasse anche Gentiloni”), del tutto sorda alle preghiere del ministro che tentava di spiegarle come la questione riguardi un piano d’interventi economici mirati per fare fronte alla crisi di Roma e che tutto questo non ha niente a che fare con l’assetto istituzionale della capitale d’Italia. Ma niente. E il fatto è che la sindaca, prima di entrare da Calenda, era stata istruita, si fa per dire, da Luigi Di Maio, il quale le aveva spiegato come comportarsi, con parole che suonavano all’incirca così: non sei quella che va a prendere istruzioni dal governo di centrosinistra, e non devi comportarti come la piccola sindaca. Tu sei una rappresentante del M5s, la forza politica che potrebbe andare a governare il paese già dalla prossima legislatura.

 

I sospetti del M5s sul piano Calenda: "Puntano a commissariarci"

Raggi chiede poteri speciali. Una parte dei suoi diffida e sulla pelle di Roma si gioca una partita politica

 

Tutto un fervorino, questo di Di Maio, che Virginia ha però interpretato a modo suo, ovvero assumendo un incongruo atteggiamento di sfida nei confronti di un ministro tecnico che sta provando a lanciare un piano di aiuti economici a Roma sostanzialmente contro il parere del Pd, il partito che con minore infantilismo della sindaca ha capito benissimo quanto il piano Calenda (se solo i cinque stelle romani sapessero fare politica) potrebbe essere sfruttato a vantaggio della Raggi. Ma Virginia questo non l’ha capito. Non lo sa. Lei è evidentemente al di là del bene e del male.

 

E infatti, a un certo punto, avviene uno scambio su questo tono. Calenda, sorvolando sulle richieste di cambiare la Costituzione e su quelle di coinvolgere il presidente del Consiglio (e perché non quello della Repubblica o quello degli Stati Uniti?), cercando insomma di tornare sulla terra, dice alla Raggi che esiste per esempio un problema grosso a Roma est, dove sussistono gli estremi per lanciare uno stato di crisi industriale, “potremmo intervenire subito”, le dice in tono collaborativo. E la Raggi: “Di questo si occupano i tecnici”. Gelo in sala. Svenimenti. Persino l’assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, l’ex cassiere di discoteca che è rimasto in silenzio per tutto il tempo, ha un piccolo sussulto. Lunedì ci sarà un primo incontro tra i tecnici. Mercoledì la sindaca farà finalmente avere al ministero un documento con delle proposte. Tutti pensavano che fossero pronte dal 24 giugno, quando venne lanciata in pompa magna “Fabbrica Roma”. E invece niente. Dicono alcuni sindacalisti: “Quel documento in realtà è vuoto. Non c’è scritto nulla”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Cesare Borgia

    Cesare Borgia

    07 Ottobre 2017 - 15:03

    Visto che il Foglio si balocca con il CV di Lemmetti, definendolo "ex-cassiere di discoteca, può essere opportuno ricordare brevemente il CV di Calenda: "È figlio del giornalista e scrittore Fabio Calenda e della regista Cristina Comencini, figlia della principessa Giulia Grifeo di artanna. È fratello della sceneggiatrice Giulia Calenda. Nel 1983 all'età di dieci anni lavora nello sceneggiato televisivo Cuore (1984) diretto dal nonno Luigi Comencini, dove interpreta lo scolaro protagonista Enrico Bottini, nell'unico suo ruolo come attore bambino.". All'epoca di Cuore ero piccolo, ma ricordo ancora con un sorriso quello che si diceva di quel "fortunato" ragazzino scelto per interpretare Bottini: "quel bambino non sa recitare, perché sta li?" "E' il nipote del regista..." Direi che non serve aggiungere altro, il resto, come si suol dire, è storia.

    Report

    Rispondi

    • Marcopro

      10 Ottobre 2017 - 23:11

      Potresti aggiungere, ad esempio, che dopo la laurea in giurisprudenza è stato dirigente d'azienda in Ferrari, Sky, Confindustria e Interporto Campano.... Ma capisco che per scriverlo ci vuole quella onestà intellettuale che voi grillini non sapete neanche dove stà di casa...

      Report

      Rispondi

  • Eduardo

    07 Ottobre 2017 - 08:08

    Avete voluto i giovani? Avete messo Roma in mano a ragazzini stupidi ed incompetenti. Caro Grillo, Vaffa culo!

    Report

    Rispondi

  • nemesi

    nemesi

    07 Ottobre 2017 - 01:01

    È ghiuta 'a paziella 'mano ai guagliuni! (Il Cosa (seria) è diventata un giocattolo nelle mani dei bambini).

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    06 Ottobre 2017 - 16:04

    La storia futura non rivelerà se Raggi ci fa o c'è .luigi de santis

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi