Ma uccidere israeliani è terrorismo o una forma d'arte?

Il governo israeliano è furioso, e a ragione, con la rivista Time che continua a raffigurare un terrorista palestinese che ha ucciso tre ebrei a ottobre come una vittima delle forze di sicurezza israeliane.

19 Marzo 2016 alle 06:16

Ma uccidere israeliani è terrorismo o una forma d'arte?

Il governo israeliano è furioso, e a ragione, con la rivista Time che continua a raffigurare un terrorista palestinese che ha ucciso tre ebrei a ottobre come una vittima delle forze di sicurezza israeliane. Nonostante le ripetute richieste da parte di funzionari israeliani nei mesi successivi perché la rivista modificasse l’articolo, Time si è sempre rifiutato di correggerlo.

 

L’attacco terroristico avvenne nel quartiere di Gerusalemme di Armon Hanatziv, quando due terroristi palestinesi salirono a bordo di un autobus e iniziarono a sparare e ad accoltellare i passeggeri. Morirono tre israeliani: Haim Haviv, 78, Govberg Alon, 51, e Richard Lakin, 76. Uno dei due terroristi, Bahaa Allyan, è ancora descritto da Time come un “graphic designer” che “è stato ucciso dalle forze di sicurezza israeliane”. Da ottobre a oggi, sui giornali anglosassoni ma anche su quelli italiani, ne abbiamo letti tanti di questi orrendi titoli pilateschi. Non è che perforare il polmone di un ebreo con un coltellaccio da cucina, anziché terrorismo, è un’opera d’arte? Graphic designer…Che schifo di giornalismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi