I capelli

Sono l’ornamento per eccellenza. Per non parlare delle loro valenze simboliche. In ogni caso, è sempre meglio avere qualcosa da dire a proposito

I capelli

• Dovrebbero essere il meno appariscenti possibile. Convenirne.

  

• Interrogarsi sul perché le nonne li portino azzurrati o con un’assurda sfumatura rosata.

  

• Citare il lob per far capire che il taglio medio per voi non ha segreti.

 

• Rievocare i tempi gloriosi in cui l’unico calvo dello star system era Yul Brinner.

 

• Dibattere se in caso di diradamento sia meglio dare un bel taglio drastico, anche fino a zero, oppure se non sia meglio individuare un taglio sobrio anche con pochi capelli.

 

• Citare “La chevelure” di Baudelaire fa sempre la sua porca figura. Non è indispensabile conoscerla a fondo.

 

• Aborrire il riporto, soprattutto nelle giornate ventose.

 

• Notare con spirito sociologico che il parrucchino ha goduto di un fugace periodo di popolarità negli anni Settanta e che, di solito, si accoppiava al borsello. Rabbrividire.

 

• Pensare tutto il male possibile dei parrucchieri cinesi.

 

• Se anagraficamente adeguati, chiedersi che fine abbiano fatto i fratelli Bundy, parrucchieri già campioni del mondo, come ricordava un’antica pubblicità.

 

• L’unico vantaggio della calvizie è non dovere più sostenere delle conversazioni assurde con il proprio parrucchiere. Convenirne.

 

• Da preadolescente avere scoperto il sesso sfogliando le riviste soft porno del barbiere.

 

• In un uomo il sale e pepe ha sempre il suo fascino. Convenirne.

 

• Le streghe avevano i capelli rossi. Citare il Malleus maleficarum. Ovviamente non è necessario averlo letto. Se proprio volete tirarvela, parlare di rutilismo, eritrismo o isabellismo.

 

• Cambiare continuamente colore di capelli è un po’ triste. Convenirne.

 

• Il mullet è stato il punto più basso dell’intera storia delle acconciature: non si ha memoria di nessuno che stesse bene con il mullet.

 

• Perché si pensa che le bionde siano stupide?

 

• Le acconciature dei calciatori sono un discorso a parte. Tuttora insuperate quelle dada di Balotelli.

 

• Mi tradisci con una donna calva, non ho trovato nessun capello sulla tua giacca. (Groucho Marx)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi