cerca

Gialloverdi allo “scontro frontale” con la Commissione europea

La rassegna sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Welt, Financial Times, Telegraph, Guardian, Figaro, Libération

23 Ottobre 2018 alle 09:07

Gialloverdi allo “scontro frontale” con la Commissione europea

Foto LaPresse

Italia-Ue: governo non modificherà legge di stabilità, verso “scontro frontale” con Commissione
Berlino, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - La decisione annunciata ieri, 22 ottobre, dal governo italiano di non modificare la legge di stabilità per il 2019, duramente criticata dalla Commissione europea, rischia di “far salire la tensione” portando Roma e Bruxelles allo “scontro frontale”. È quanto si legge sulla stampa tedesca, con i principali quotidiani che dedicano ampio spazio agli ultimi sviluppi del confronto tra Italia e Commissione europea sulla legge di bilancio. Per il ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria, scrive “Die Welt”, la decisione di violare il Patto di stabilità e crescita è stata “difficile, ma necessaria” in considerazione della “drammatica situazione” in cui si trova l'economia italiana. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha usato toni concilianti volti a rassicurare l'Ue e i mercati, affermando che il rapporto tra deficit e Pil al 2,4 per cento nel 2019 è un “limite massimo” ed è “sicuro” che non verrà superato. La cifra potrebbe pertanto anche essere inferiore. Inoltre, Conte ha escluso ogni intenzione dell'Italia di recedere dall'Unione europea o dall'Eurozona e ha affermato che, qualora la Commissione bocciasse la legge di stabilità, “ci sediamo intorno a un tavolo e riflettiamo insieme”. Più bellicosi i toni del vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, secondo cui il governo non arretrerà “neanche di mezzo centimetro” dai piani di bilancio qualora la Commissione europea dovesse bocciare la legge di stabilità. “Le misure di austerità lacrime e sangue che hanno massacrato gli italiani, inviate da Bruxelles a Roma via fax, non funzionano con noi”, ha detto il leader della Lega, secondo quanto riferito dal quotidiano tedesco “Der Tagesspiegel”. Per Salvini, con il “governo del cambiamento” il bilancio dell'Italia verrà redatto “di nuovo a Roma, non a Bruxelles”. 
     
Italia-Ue: il governo rifiuta di modificare legge di stabilità
Londra, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - Rifiutando di modificare la legge di stabilità per il 2019, duramente criticata dalla Commissione europea per l'aumento del debito che comporta, ieri 22 ottobre il governo ha sfidato i guardiani dei conti dell'Eurozona. L'esecutivo ha respinto la richiesta della Commissione di ridurre il netto aumento della spesa pubblica previsto dalla legge finanziaria e ha ammesso che , ammettendo che il provvedimento infrange le regole di bilancio dell'Ue. Tuttavia, il governo ha al contempo ribadito che la propria convinzione che la legge di bilancio non minaccia la stabilità dell'Unione monetaria. Lo scrive il quotidiano britannico "Financial Times", riferendo della lettera inviata dal ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, alla Commissione europea. Nel documento, Tria sostiene che l'aumento della spesa pubblica si è reso necessario per far ripartire la crescita dell'Italia, terza economia dell'Eurozona dopo un decennio di stagnazione. Il rifiuto di accettare le modifiche richieste da Bruxelles, secondo Tria, è stato "una scelta difficile, ma necessaria alla luce del ritardo dell'Italia nel riportare il suo Pil ai livelli pre-crisi e delle disperate condizioni economiche in cui si trovano i cittadini italiani più svantaggiati". Per la prima volta, commenta il "Financial Times", un paese membro dell'Unione monetaria ignora deliberatamente le richieste di Bruxelles. La decisione pone la coalizione al governo in Italia in rotta di collisione con la Commissione europea. Nella giornata di oggi, Bruxelles non avrà quindi altra scelta che intimare a Roma di riscrivere la legge di stabilità e inviare la versione revisionata entro quindici giorni. Ed anche questo sarà un atto senza precedenti da parte delle autorità dell'Ue. Se non acconsentirà, ricorda il "Financial Times", l'Italia rischierà di l'avvio di una procedura di infrazione, con un'ammenda di milioni di euro. Nella sua lettera ala Commissione, Tria ha comunque tentato di ammorbidire il rifiuto di modificare la legge di stabilità, alludendo al fatto che il governo potrebbe ancora correggere i conti se la crescita del Pil non si materializzasse come previsto. Il governo, ha scritto il titolare dell'Economia e delle Finanze, "prenderebbe tutte le misure necessarie per far sì che gli obbiettivi enunciati vengano rispettati", qualora le sue ambiziose previsioni economiche non si realizzassero. Roma è infatti convinta che la legge di bilancio darà una forte spinta alla crescita dell'economia dell'Italia ed è fiduciosa che "il recente aumento dei rendimenti dei titoli di Stato italiani sarà riassorbito quando gli investitori apprenderanno tutti i dettagli delle misure" incluse nella legge di bilancio. Nella giornata di ieri, la Commissione ha declinato le richieste di commenti, confermando soltanto di aver ricevuto la lettera di Tria. Gli investitori, che ormai da mesi seguono con il fiato sospeso il braccio di ferro tra Roma e Bruxelles, dopo che è stato reso noto il testo della lettera di Tria hanno reagito riportando il costo del rifinanziamento del debito dell'Italia ai massimi da quattro anni. Il 19 ottobre scorso, ricorda il "Financial Times", alla chiusura settimanale dei mercati l'agenzia di rating statunitense Moody’s aveva declassato le obbligazioni dell'Italia portandole ad un solo passo dal livello "spazzatura", lo status dei titoli puramente speculativi. Al contempo, Moody's aveva riportato da "negativa" a "stabile" la sua previsione sul debito italiano. Per il 26 ottobre prossimo è attesa la valutazione dell'Italia da parte dell'agenzia di rating Standard&Poor's. Secondo le previsioni, il giudizio riguardo le prospettive dell'Italia dovrebbe retrocedere da "stabili" a "negative". Nell'Ue, la politica italiana di bilancio italiana è stata duramente criticata dall'Austria, paese che ricopre la presidenza di turno del Consiglio europeo. Nella giornata di ieri, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha detto che la Commissione dovrebbe bocciare formalmente la legge di stabilità, se il governo di Roma non farà una decisa marcia indietro. "L'Austria", ha scandito Kurz, "non ha alcuna intenzione di sostenere i debiti di altri paesi che oltretutto stanno attivamente contribuendo all'incertezza dei mercati". L''Ue, ha aggiunto il capo del governo austriaco, "deve mostrare di aver appreso la lezione della crisi della Grecia". Ancora più duro è stato il ministro delle Finanze austriaco, Hartwig Loeger, il quale ha detto che se Bruxelles non reagirà con decisione, la politica di debito attuata dall'Italia "prenderà in ostaggio l'intera Unione europea".
Italia-Russia: incontro Conte-Putin segna vicinanza di Roma a Mosca e freddezza verso l'Ue
Londra, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà in questa settimana in visita a Mosca dove incontrerà il presidente russo Vladimir Putin. Per il quotidiano britannico "The Telegraph", l'incontro tra Conte e Putin a Mosca è segno della crescente vicinanza dell'Italia alla Russia, sta allarmando gli alleati occidentali e irritando l'Unione europea. Inoltre, nota "The Telegraph", la visita di Conte a Mosca arriva in un momento in cui le relazioni tra il governo e la Commissione europea sono al minimo storico a causa del confronto sulla legge di stabilità, duramente criticata da Bruxelles. Nella giornata di ieri 22 ottobre, Roma ha risposto ufficialmente alle obiezioni sollevate dalla Commissione europea sulla sua provvedimento, inviando a Bruxelles una lettera in cui il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, ha ribadito l'intenzione di non voler fare alcuna marcia indietro sui costosi impegni di spesa pubblica.
 
Italia: il governo italiano strumentalizza gli attacchi contro Bruxelles
Parigi, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - I due vicepremier italiani, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, in queste ultime settimane hanno aumentato gli attacchi nei confronti di Bruxelles, provocando una serie di scossoni sui mercati. “Libération” afferma in un editoriale che si tratta di una strategia per attaccare le regole dell’Unione europea. Salvini, in particolare, “gioca con il fuoco dei mercati” per mostrarsi agli occhi dei suoi elettori sempre più sicuro di sé. Il quotidiano fa un parallelo tra Italia e Spagna, con Madrid che ha presentato “senza drammi” un bilancio anti-austerità preparato dal ministro dell’economia Nadia Calvino. Un progetto coerente che non è stato strumentalizzato dal premier Pedro Sanchez come hanno fatto gli italiani.
Francia-Italia: ministro Affari europei Loiseau, Salvini sull’immigrazione fa dichiarazioni diverse dalla realtà
Parigi, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - Sulla questione dei migranti, il vicepremier e ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, “fa delle dichiarazioni, ma la realtà sul terreno è molto differente: c’è una cooperazione tra la polizia francese che funziona bene”. È quanto affermato dal ministro per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, in un’intervista rilasciata a “Le Figaro”. “Se Salvini vuole, gli invierò una copia del trattato di Chambéry (documento che stabilisce la cooperazione tra i due paesi, ndr), lo farò con piacere”, ha poi aggiunto Loiseau. “Per me, un uomo che parla forte non è per forza un uomo forte. Un uomo che si agita non è per forza un uomo che agisce” ha dichiarato il ministro francese commentando l’atteggiamento di Salvini.

  
Italia: un documentario realizzato in segreto solleva il velo sulla politica del paese
Londra, 23 ott 08:36 - (Agenzia Nova)  - Il quotidiano britannico "The Guardian" anticipa i contenuti del documentario girato segretamente nella scorsa primavera da Ismaele La Vardera durante la campagna elettorale per le ultime elezioni amministrative in Sicilia. Candidato a sindaco di Palermo a 22 anni, La Vardera ha registrato con una telecamera nascosta numerosi incontri avuti nel corso della sua campagna elettorale. Il documentario, che sarà proiettato nei cinema italiani alla fine del prossimo mese di novembre, si intitola "Politica italiana per marionette". Secondo "The Guardian", l'opera di La Vardera getta luce sull'attuale modo di fare politica in Italia, in particolare da parte dei partiti populisti. Il documentario mostra, inoltre, come in Sicilia la mafia continui a interferire nelle elezioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi