cerca

Vuoti senza senso

Anacleto non si dava pace nel vedere Merlino ridursi peggio che Immanuel Kant

10 Agosto 2018 alle 06:19

Vuoti senza senso

Il tuo legittimo posto nel mondo qual è? Così domandava ieri Anacleto a Merlino ormai deciso a proseguire nella sua nuova vita di barman a Honolulu. “Questo asilo che hai eletto a destino, questo restarne qui tra bottiglie e shaker sono il desiderio di un luogo, un rifugio contro il tempo o è il témenos, il vaso di contenimento del tuo pensiero, del tuo respiro, del tuo sentire?”. Il caro mago rifuggiva ormai gli incantesimi e l’unica disciplina introversa, lenta e intensamente focalizzata, quando non affettava lime, era per l’aerobica o, peggio, per isolarsi con gli auricolari e ascoltare chissà cosa. Anacleto reclamava una risposta, non si dava pace nel vedere Merlino ridursi peggio che Immanuel Kant, con a disposizione solo astrazioni, praticamente degli shaker dove agitare vuoti senza senso: “Vacui ticchettii di uno spettrale orologio, questo – Merlino – è il tuo qui e il tuo ora”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi