Azzurri da rifare, la nuova fabbrica del mondo e il primo processo a Hollywood. Di cosa parlare nel weekend

Un grande tema di dibattito spiegato bene, qualche lettura da non perdere, un video e vecchie storie che riaffiorano dal passato. Bastano pochi link per rendere speciale il fine settimana…

18 Novembre 2017 alle 06:06

Azzurri da rifare, la nuova fabbrica del mondo e il primo processo a Hollywood. Di cosa parlare nel weekend

Foto LaPresse

Totò Riina era un sanguinario boss mafioso che ha terrorizzato la mia terra e che la Repubblica ha infine sconfitto. Esultare alla sua morte è però da vani gradassi. La giustizia non ha bisogno di ferocia né di vendette social…”

Gianni Riotta

 


 

Azzurro pallido

Certo che bisogna ripartire dopo la batosta contro la Svezia e l’addio al Mondiale di Russia, ma l’impasto di base, quello fatto di talento e giovane età, è ben presente… 

È vero che nel campionato italiano ci sono troppi stranieri? E che la Nazionale va male per questo motivo? I dati dicono di no, se addirittura non suggeriscono l’opposto.

Sei firme indagano, tra passato e futuro, sul significato di un’estate mondiale senza Italia, e sulle sue ripercussioni emotive, più che sportive.

Geopolitica del pallone. Ma quale sconfitta: l’uscita dai Mondiali per l’Italia può essere una grande opportunità. Il calcio sta cambiando faccia, e Qatar e Cina lo dimostrano. Parla De Siervo (Infront).

Gigi, azzurro. Una serie di parate che ripercorrono la storia di Gianluigi Buffon con la maglia della Nazionale.

Un Mondiale alternativo per le nazionali non qualificate a Russia 2018, a partire dagli stessi Usa, Italia, Olanda, Cile, Camerun. Se c’è un pubblico disposto a vedere le partite (di cui si possono quindi vendere i diritti), perché no?

E come ha fatto la Germania a diventare così forte a calcio. La ricostruzione iniziò sedici anni fa, dopo un fallimento, e ha permesso di creare una Nazionale che oggi è quasi imbattibile.

 


  

Da non perdere

I populismi europei e l’anomalia del Movimento 5 stelle, nell’analisi di Piergiorgio Corbetta.

Il prezzo dei morti civili nella guerra all’Isis. Una grande inchiesta che racconta come le bombe non siano mai chirurgiche e intelligenti… 

In che modo l’Africa si appresta a sostituire la Cina come nuova fabbrica del mondo.

Viaggio nel mondo segreto delle chat di gruppo di WhatsApp, oggi sempre più strumento per politici e attivisti.

Il senso della migrazione. Cosa spinge milioni di animali a spostarsi? E possiamo davvero tracciare qualche parallelo con gli esseri umani?

Il progetto di isole galleggianti nella Polinesia Francese. Blue Frontiers costruirà e gestirà questi atolli artificiali con l’obiettivo di costruire una dozzina di case, alberghi, uffici e ristoranti entro il 2020, al costo di circa 60 milioni di dollari…

  


 

Vecchie storie

Probabilmente la Grande Depressione non è il frutto del capitalismo selvaggio, al quale l’interventismo keynesiano ha cercato di porre rimedio, ma, al contrario, il frutto dell’interventismo bellico e finanziario del quarto lustro del secolo…

Sette designer interpretano Ettore Sottsass. A cento anni dalla nascita, 7 creativi under 40 hanno scelto un suo oggetto e raccontato perché è ancora importante.

L’altro processo a luci rosse che travolse Hollywood. Risale al 1936 e lo racconta il grande illustratore Edward Sorel in un libro appena pubblicato da Adelphi, I diari bollenti di Mary Astor.

 


 

Guarda questo

Come ha fatto il presidentissimo dello Zimbabwe, Robert Mugabe, a perdere il potere in patria, spiegato in questo video da Bloomberg…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi