cerca

Legnate di Legnini su Davigo

In un paese normale i magistrati non fanno politica a mezzo stampa. Ma in Italia vige il codice mediatico-giudiziario

6 Ottobre 2017 alle 21:02

Legnate di Legnini a Davigo

Giovanni Legnini (foto LaPresse)

In un paese in cui si rispettano i princìpi della separazione dei poteri i magistrati non fanno politica. O almeno, se pure lo fanno, e non si può negare che sia capitato, non lo proclamano apertamente. Ma se invece qualche magistrato lo fa, venendo meno alla deontologia della sua professione, gli organi di stampa, almeno quelli seri, lo criticano. In Italia da un quarto di secolo abbondante capita invece l’esatto contrario: si è creato un circuito (circo) mediatico-giudiziario che detta i tempi e spesso i modi della politica, che interferisce nella creazione dello spirito pubblico ed esercita una specie di dittatura informale. Piercamillo Davigo ha il diritto, come cittadino, di pensare quel che gli pare.

 

No ai magistrati da talk-show. Anche Legnini lancia l'#AllarmeDavigo

Il vicepresidente del Csm raccoglie le preoccupazioni del Foglio: “Solo in Italia si passa con tanta facilità dalla tv a funzioni requirenti e giudicanti, fino alla presidenza di collegi di merito o della Cassazione”

  

Se però le sue tesi giustizialiste e il suo particolarissimo modo di intendere la giustizia travalicano i limiti del suo libero convincimento diventando la base di un’offensiva politica (come dovrebbero essere le leggi, come dovrebbero essere trattati i politici) e vengono riportati dagli organi di informazione, questo accade perché è un magistrato, e non un privato cittadino. Soltanto che, in quanto magistrato, dovrebbe tenere un comportamento del tutto difforme, e la stampa avrebbe il dovere di ricordarglielo. Se Davigo ha intenzione di partecipare alla lotta politica, appenda la toga al chiodo e si candidi. Ma a quel che pare la campagna elettorale che sta conducendo è per ottenere la carica massima della magistratura, quella di presidente della Cassazione.

 

Non sarà vero, speriamo, ma già il fatto che si possa pensare che per concorrere a una carica così delicata sia utile una sovraesposizione mediatica dovrebbe far riflettere. Si dice che a queste intemperanze dovrebbe reagire l’organo di governo (diventato, contro la Costituzione, di autogoverno) della magistratura, cioè il Csm. Ma quando, come nel caso Consip, ci sono evidenti fughe di notizie, taroccamento di intercettazioni a fini evidentemente politici, il Csm si arrende di fronte allo strapotere del circuito mediatico-giudiziario. A ben rifletterci, è questa accettata prevalenza del circuito mediatico-giudiziario la vera anomalia italiana.

    

Nessuno chiede processi sommari, nemmeno nei confronti dei magistrati; ma anche i proscioglimenti lampo, tanto rari per i comuni cittadini, sembrano un’esclusiva di una sola categoria, anzi due: i membri di una procura e i giornalisti che li spalleggiano. Vedi, ma giusto per fare un esempio, l’archiviazione di Henry John Woodcock nell’indagine per la propalazione delle notizie coperte da segreto nell’affaire Consip. Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, cui compete la funzione di promuovere inchieste sulle anomalie giudiziarie, si limita a prendere atto, tutte le volte e anche questa volta.

 

Se Davigo fa politica, si limita a osservare che le tesi del magistrato non coincidono con quelle del governo, per poi concludere che in fondo tutto questo è “fisiologico”. È un po’ come dire che una patologia del sistema istituzionale che ha influito pesantemente sulla vicenda politica nazionale è diventata fisiologica. Capovolgendo l’assunto: vuol dire che è invece “patologico” continuare a battersi per una magistratura che faccia il suo mestiere e non si impegni nell’usurpazione giustizialista di quello degli altri organi dello stato. Diversamente, ieri parlando ai penalisti il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini è stato esplicito: “In nessun paese europeo è consentito passare con tanta facilità dai talk-show alle prime pagine dei giornali di funzioni requirenti o giudicanti”. Accettare questo stato di cose è la vera anomalia del sistema italiano. Però, ha aggiunto Legnini, “non ci sono norme per arginare questo fenomeno”. Appunto. Fate presto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • g.grossi4510

    08 Ottobre 2017 - 20:08

    Ringrazio di cuore il sen. Legnini per aver avuto rispetto per la Sua e nostra intelligenza e sensibilità civica. Avv. Giuliano Grossi - Pescara

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Ottobre 2017 - 12:12

    Al direttore - Quando alle parole di critica relative ad un comportamento ritenuto difforme dalla deontologia dei magistrati, non seguono provvedimenti concreti per rimuovere l'anomalia, che è iniziata con Mani Pulite, significa che siamo in presenza del gioco delle parti. Legittimo che Piercamillo Davigo aspiri alla carica suprema della Magistratura , non è legittimo e neppure moralmente corretto, che usi mezzi e metodi di comunicazione politica per arrivarci. Se i soggetti e gli organi che devono decidere a chi conferire quella carica, lasciano fare, parole a parte, vuol dire che avremo un “politico” alla carica suprema della magistratura, che la Carta è carta straccia e che non possiamo più avere fiducia in nessuno, che nessuno è più credibile. Va bene così? A Firenze parliamone.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    07 Ottobre 2017 - 10:10

    Un imputato che in giudizio ha giudice Davigo avrebbe imbattibili motivi per chiedere ,tenendo conto delle sue esternazioni ,per chiedere la sua remissione .Se non altro per agitare le acque su il piano mediatico.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    06 Ottobre 2017 - 23:11

    Quando alle parole di critica relative ad un comportamento ritenuto difforme dalla deontologia dei magistrati, non seguono provvedimenti concreti per rimuovere l'anomalia, che è iniziata con Mani Pulite, significa che siamo in presenza del gioco delle parti. Legittimo che Piercamillo Davigo aspiri alla carica suprema della Magistratura , non è legittimo e neppure moralmente corretto, che usi mezzi e metodi di comunicazione politica per arrivarci. Se i soggetti e gli organi che devono decidere a chi conferire quella carica, lasciano fare, parole a parte, vuol dire che non possiamo più avere fiducia in nessuno, che nessuno è più credibile. Va bene così?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi