cerca

Un comico come presidente. Zelenski vince in Ucraina

Con oltre il 70 per cento dei voti l'attore ha battuto Petro Poroshenko che non è riuscito a ottenere un secondo mandato

22 Aprile 2019 alle 09:18

Un comico come presidente. Zelenski vince in Ucraina

L'attore comico Volodymyr Zelenski è il nuovo presidente dell'Ucraina (foto LaPresse)

Volodymyr Zelenski ha vinto le elezioni presidenziali in Ucraina. Come previsto dai sondaggi (e confermando i risultati parziali del primo turno dello scorso 31 marzo), gli elettori hanno preferito il comico al più sperimentato Petro Poroshenko. È stato proprio il presidente uscente che ieri sera, dopo la diffusione degli exit poll e prima che cominciassero ad arrivare i dati ufficiali, ha riconosciuto la vittoria del suo avversario. Dopotutto il risultato non lascia molto spazio a interpretazioni: con l'85 per cento delle schede scrutinate Zelenski è in vantaggio con il 73,4 per cento rispetto al 24,4 di Poroshenko.

 

 

  

“Accetterò la volontà del popolo ucraino”, ha scritto su Twitter Poroshenko. Per poi aggiungere alcune considerazioni sul suo futuro e su quello del paese: “Rimarrò al servizio dell'Ucraina e farò del mio meglio per evitare che l'Ucraina cambi il proprio corso”. Non solo, il presidente uscente ha anche sottolineato come al Cremlino sia stato celebrato l'esito delle elezioni: “Credono che con un presidente inesperto l'Ucraina possa tornare sotto l'influenza russa”. 

 

  

Proprio i rapporti con Mosca, oltre al proseguimento delle riforme economiche e politiche sostenute da Ue e Fmi, saranno il grande banco di prova per il nuovo presidente che è nato nell'est dell'Ucraina e parla il russo come prima lingua. In realtà, come sottolinea l'Ispi, nella sua campagna elettorale Zelenski “non si è mai dimostrato 'morbido' nei confronti della Russia. Ha più volte sottolineato il suo sostegno alla rivoluzione Euromaidan e criticato l'aggressione militare russa a est, aiutando persino a finanziare battaglioni nazionalisti nella guerra”. Certo, prosegue l'istituto per gli studi di politica internazionale, “è indubbio che l’elemento di 'novità' che contraddistingue Zelenski, le sue posizioni più moderate su temi quali il bilinguismo e la sua disponibilità a trattare con Putin rendano la sua elezione una prospettiva più positiva per Mosca rispetto a un secondo mandato di Poroshenko”.

 

Nel frattempo il neopresidente parlando ai giornalisti e agli elettori, ha ringraziato tutti: “L'abbiamo fatto insieme”. Il suo staff ha fatto sapere che Zelenski ha ricevuto, tra gli altri, telefonate di congratulazioni da Donald Trump e dal presidente francese Emmanuel Macron. Il comico è stato spesso presentato in questi mesi come un candidato antiestablishment, ed è stata probabilmente questa narrazione a convincere gli elettori a votarlo. In realtà anche lui, come abbiamo raccontato sul Foglio, ha il suo “oligarca di riferimento”: Igor Kolomoiski. In ogni caso gli ucraini, pur conoscendo i rapporti tra Zelenski e Kolomoiski, hanno preferito puntare sulla novità. E ora anche l'Ucraina ha il suo comico al governo. 

DI SEGUITO UNA SELEZIONE DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI IN QUESTI MESI DAL FOGLIO SULLE ELEZIONI IN UCRAINA 

 

Il comico antisistema in Ucraina? Mica tanto. Ecco che fa il “suo” oligarca

Secondo i sondaggi gli elettori ucraini hanno già scelto: meglio il nuovo Zelenski rispetto al già sperimentato Poroshenko. Ma dietro di lui c'è Igor Kolomoiski

 

Il partito di Poroshenko tra stadi, video bellicosi e guerre di polli

Il fine settimana intenso dell’attuale presidente dell’Ucraina. Tra incontri con Merkel e Macron e dibattiti diventati comizi

 

L’attore presidente dell'Ucraina

Volodymyr Zelenski ha interpretato il capo dello stato in una serie tv, e adesso si candida

 

 

L’Ucraina impaziente va al voto

Il comico, l’incantatrice, l’usato sicuro. Tre candidati, una corsa presidenziale dominata dalla fretta di vedere se qualcosa cambia. Ecco come sarà Kiev dopo le elezioni di domenica

 

La guerra in Ucraina è già letteratura e racconta che anche Mosca è lì

Tre libri di tre autori russi che sono stati nel Donbass a combattere e a scrivere smentiscono la versione del Cremlino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    22 Aprile 2019 - 12:12

    Faccio solo ipotesi, ovviamente, ma questo nuovo presidente con un approccio più morbido e meno muscolare potrebbe convincere la Russia ad altrettanta morbidezza. Potrebbe un giorno portare l'Ucraina in seno all'UE con la benedizione di Putin. L'Ucraina è il maggior produttore di Soia d'Europa e non sarebbe dunque male portarla in seno alla Comunità Europea vistii i consumi sempre crescenti di questo legume. Chissà....

    Report

    Rispondi

Servizi