cerca

Orbán, l’anti Europa non è un musical

Le ragioni della diffidenza ungherese sono antiche. Ma dove si rompe il patto?

23 Giugno 2018 alle 06:00

Orbán, l’anti Europa non è un musical

La sagoma della statua di Arpad Somogyi, il 'ragazzo mietitore', di fronte al palazzo del Parlamento a Budapest (foto LaPresse)

La notizia che la versione ungherese del musical “Billy Elliot” è stata sospesa perché troppo omosessuale non è destituita di fondamento, ma è pleonastica e non aiuta a capire il problema dell’Europa con l’Ungheria. La notizia utile, per restare ai musical, è che stasera e domani sulla Piazza degli Eroi di Budapest andrà in scena un kolossal rock dal titolo “Treaty of Trianon”. Il Trattato del Trianon, 4 giugno 1920, pose fine alla Grande guerra per quel che riguardava il regno di Ungheria: in maniera sciagurata, mutilandolo di due terzi del suo territorio. Il regista dello show, membro del partito di Viktor Orbán, ha chiarito che l’intento dello spettacolare musical, che abbraccia tutta la storia ungherese, è di aumentare il tasso di patriottismo eccitando lo storico vittimismo ungherese – peraltro già eccitato da tempo, essendo uno degli ingredienti del successo di Orbán. Il quale primo ministro, qualche giorno fa, in una pubblica occasione, ha ripetuto: “Dai tempi del Trianon non siamo mai stati così vicini a ricostruire il nostro orgoglio nazionale”.

     

I simboli sono impalpabili come i sentimenti, ma hanno concretamente a che fare con la difficile natura politica e giuridica del rapporto tra l’Ungheria e l’Unione europea, di cui Budapest fa parte dal 2002, con adesione agli accordi di Schengen. E’ di qualche giorno fa l’approvazione da parte del Parlamento ungherese del pacchetto di leggi anti immigrazione cosiddetto “Stop Soros”, che prevede la criminalizzazione dell’immigrazione clandestina, ma anche il carcere per le persone o le organizzazioni che la favoriscono o la appoggiano pubblicamente. Tra le nuove norme ne spicca una, per peso specifico, perché modifica addirittura la Costituzione del 2011: “Collocare cittadini stranieri sul territorio del paese è vietato, salva l’autorizzazione del Parlamento”. Insomma per la Costituzione ungherese soltanto i cittadini stranieri in possesso di permessi rilasciati dalle autorità ungheresi avranno diritto legale di residenza in terra magiara. 

        

I dettagli tecnici e giuridici di queste leggi sono complessi, e sono probabili contenziosi nelle sedi internazionali deputate. La filosofia che esprimono, ridotta in moneta corrente, è più semplice: per lo stato ungherese non vale la stessa filosofia che permea, con tutte le contraddizioni a tema dei dibattiti di questi giorni, il pensiero dell’Europa.

   

Qualche giorno fa Viktor Orbán ha tenuto a Budapest un discorso per il primo anniversario della morte di Helmut Kohl, il grande artefice dell’unificazione tedesca, da cui iniziò la ricucitura a est dell’Europa post Guerra fredda. E’ un discorso intelligente, pieno di controintuizioni rispetto al comune pensiero europeista (Orbán non è Salvini, rassegnatevi). Grandi elogi a Kohl: “Ha rappresentato l’Europa cristiana alla quale da sempre apparteniamo, e dopo quarant’anni di comunismo la sua visione politica ha aperto la strada al nostro ritorno nella comunità dei popoli europei”. Ma il tutto con un sottile tratto volutamente revanchista, rispetto a quella stessa adesione europea: ci avete reso parte del maltolto del Trattato del Trianon. E in ogni caso, “for us Hungary comes first”. Furbizia retorica nel minimizzare il ruolo di indirizzo e di interdizione del suo paese: “Dieci milioni di abitanti, meno di ventimila soldati… qualcuno ha la tentazione di assegnarci un ruolo troppo grande”, mentre invece noi ungheresi “dobbiamo focalizzarci solo nello sforzo di difendere l’interesse nazionale ungherese”. Perché “la nostra ambizione è di vivere in una regione forte centro-europea”, quella dei paesi di Visegrád. Che non rappresentano, però, i confini dell’intera Europa.

    

Trianon è una cicatrice antica, non cauterizzata. Altrimenti non si spiegherebbe perché oggi torni a essere epos della nazione. E’ un po’ come se in Italia facessero un’opera rock sulla vittoria mutilata (forse l’hanno pure fatta, ma in qualche scantinato di CasaPound). Forse la vittoria mutilata tornerà a essere tema interessante per gli italiani, ma è dubbio: siamo un paese infinitamente più stratificato e plurale dell’Ungheria, anche dal punto di vista della lingua: siamo romanzi e indoeuropei, l’ungherese appartiene al ceppo ugro-finnico, una branca separata anche per la glottologia. Eppure sopra quel tessuto mal rattoppato di carne nazionale altre ferite sono state incise, nella storia successiva. Il nazismo e la Shoah. Il comunismo. Il 1956. L’Ungheria avrà per sempre l’orgoglio, e l’ha giocato come nobile moneta di scambio, della prima rivolta contro l’Unione sovietica. Lo spirito dell’89 le era consentaneo. L’Europa unita, anche per emendarsi delle sue ignavie, le ha tributato (e pagato) il doveroso omaggio. “L’Ungheria ha abbattuto il primo mattone del Muro di Berlino”, ha ricordato Orbán nel suo discorso, rivendicando una primogenitura nell’intuire l’interesse europeo post comunista rispetto ad altri paesi più dubbiosi e titubanti.

 

Ma è la stessa Ungheria che prima della ferita nazionale del Trianon era stata uno dei motori della Prima guerra mondiale e della dissoluzione dell’Antico equilibrio, il crollo dell’Impero (cristiano) austro-ungarico. Basta leggere François Fejtöő o Roth (Joseph), per capire il ruolo deleterio che il nazionalismo di una casta militare feudale ha avuto nella rovina di una costruzione secolare che aveva prodotto molte angherie e molte ingiustizie, e persino molti pogrom contro gli ebrei, ma non aveva scatenato due guerre mondiali nel cuore dell’Europa, né creato le condizioni per lo sterminio degli ebrei. Ora nessuno mai, sia chiaro, potrebbe anche solo pensare di mettere sul conto di Viktor Orbán, o del pensiero politico dominante oggi in Ungheria, le colpe o i disastri involontari di un passato così remoto. Sarebbe un anacronismo particolarmente stupido. Ma nell’Europa in cui riaffiorano i confini, nella Mitteleuropa in cui sotto le rotte balcaniche si avverte lo smottamento di antiche faglie, di antiche divisioni, bisogna riflettere sul peso della storia. Cosa che la costruzione retorica delle ideologie di Visegrád, che Orbán interpreta da par suo, non fa o fa in modo inappropriato.

  

I confini sono i confini, la nazione è la nazione (al netto del coté religioso) e le regole sono le regole. Accettando di entrare a far parte dell’Unione europea l’Ungheria ha anche accettato, si perdonerà la semplificazione, di aderire ai contenuti di un patto, di un foedus avrebbero detto gli antichi, che impegna “al rispettivo appoggio in vista del raggiungimento di un comune scopo politico” (enciclopedia Treccani) in cui rientrano le idee fondative dell’Europa. La difesa dei confini comuni, ma anche la loro apertura; il rifiuto dei pregiudizi di razza e religione, la libertà personale e di circolazione. Una idea condivisa di democrazia rappresentativa e di rispetto delle minoranze. Esattamente come nei requisiti della adesione all’Europa c’è – e volutamente facciamo il caso più grossolano di tutti – la cancellazione della pena di morte dalle rispettive leggi nazionali. Si può anche non condividere tutto questo, essere addirittura ostili. Ma allora, tecnicamente, decadono le condizioni di validità del patto, e ognuno per la sua strada.

  

“E’ vero che i documenti fondativi dell’Unione europea non dichiarano che uno stato membro possa provare a trasformarsi in un paese di migranti”, ha detto Orbán con arguzia, ma la sua Ungheria no. Per il suo paese, “in una tale situazione non c’è bisogno di compromessi, ma di tolleranza”. Non esiste nessun confine condiviso dell’Europa, né alcun patto di mutuo soccorso. Ma se ognuno è per sé, qual è la validità e la consistenza del patto europeo? Il leader ungherese ha detto che sarebbe facile, per lui, presentare alle prossime europee un partito dichiaratamente anti immigrazione, “ma direi che potremo resistere a questa tentazione”. Però siamo avvertiti, la storia non è un musical.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    23 Giugno 2018 - 19:07

    "per la Costituzione ungherese soltanto i cittadini stranieri in possesso di permessi rilasciati dalle autorità ungheresi avranno diritto legale di residenza in terra magiara": mi pare una norma di puro buonsenso, padroni a casa propria. E' una norma talmente elementare che mi stupisco che non sia presente in altre costituzioni, a cominciare dalla nostra. In America hanno la carta verde, scaduta la quale te ne devi andare, se nel frattempo non prorogata. Grazie a Crippa per aver fatto conoscere questo aspetto interessante del governo Orbàn

    Report

    Rispondi

  • mauro

    23 Giugno 2018 - 10:10

    Beh, ognuno ha le sue piccole anche se non proprio innocue fissazioni, come noi i festeggiamenti per la nostra vittoria nella seconda guerra mondiale nel '45. Ma non tutti siamo uguali; per noi italiani confusamente progressisti nell'animo (certo c'è il salvinismo e qualche resistenza al far defecare i giovanottoni di colore nei portoni, ma non dura, dura minga) qualsiasi democratico trattato che eventualmente ci danneggi è cosa buona e giusta (e se per caso ci sono dei profughi dalla pelle bianca e connazionali sputiamo loro addosso, come facemmo con gli istriani) Per questo lo spirito comunitario basato sugli stessi principi liberals d'oltreoceano, tanto è vero che nell'era Trump è tutto un litigio Europa-USA, ci calza come un guanto. Agli ungheresi, anche per ragioni storiche che Lei conosce benissimo, non calza. Li cacciamo? Il fatto è che l'Europa non ha interesse a cacciare nessuno, anzi ha paura a farlo, per timore che il traballante e ipocrita edificio crolli.

    Report

    Rispondi

Servizi