Dal Tea Party al governo del deficit: la svolta welfarista di Trump

La legge di bilancio firmata dal presidente aumenta la spesa militare e lo stato sociale, contraddicendo l'ortodossia del Gop

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

Dal Tea Party al governo del deficit: la svolta welfarista di Trump

Donald Trump (foto LaPresse)

New York. Lo shutdown dei servizi federali è durato giusto il tempo di sedare la protesta solitaria di Rand Paul, senatore libertario che nella notte s’è accanito contro una legge di bilancio concordata fra i leader repubblicani e democratici al Congresso, e gradita alla Casa Bianca. La voce che disturbava l’armonia bipartisan è svanita rapidamente, e la mattina la legge è arrivata sulla scrivania del presidente. Donald Trump ha annunciato con twitteresca fanfara l’accordo negoziato per mesi: “Ho appena firmato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    09 Febbraio 2018 - 21:09

    Il debito pubblico cresce. Il problema è se crescerà anche in rapporto al PIL in un periodo abbastanza lungo. Ma forse a Trump e al Congresso (come accade spesso ai politici) ciò non interessa molto. Le elezioni di medio termine si avvicinano e dopo di esse le presidenziali. Sembra che, da una parte e dall'altra, l'orizzonte temporale sia segnato dalla data delle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

Servizi