cerca

God save the Kingdom

L’economia va giù, la sterlina va giù e l’umore poi non ne parliamo. Cosa c’è dopo la Brexit? Tra May e Corbyn la prospettiva è il declino (ma una speranza c’è). Com’è che un popolo votato al pragmatismo e all’ottimismo ha perso il suo tesoro. Riflessioni, e una dichiarazione d’amore

20 Novembre 2017 alle 18:40

God save the Kingdom

Foto davidgsteadman via Flickr

La depressione è arrivata lenta, come fa sempre, si è insinuata piano, spegnendo i sorrisi e i trionfalismi, rivedendo al ribasso le stime, qualche virgola che si muove, i numeri vanno giù e poi un pochino più giù, cambiando le parole in bocca alla gente, e poi togliendole del tutto, perché non c’è inglese che abbia ancora la forza di rispondere, quando lo guardi e chiedi: ehi, ma che v’è successo? Scrollano le spalle, abbassano gli occhi, sono feriti: non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    21 Novembre 2017 - 16:04

    Senza gli inglesi stiamo peggio tutti e lo vediamo con la Germania ferma al palo delle sue contraddizioni non ancora risolte. l’Inghilterra è un faro, un leader, una fucina di edee e azioni liberali. L’Europa ha bisogno di generali e perderne uno come l’Inghilterra ha lasciato il segno. Siamo arenati. I tempi di chi eravamo sono finiti e solo gli imperi moderni, grandi, insostituibili ci salveranno dalla distruzione. La brexit fu un segno di croce vecchia fatta da vecchi su un pezzo di carta di paura e nostalgia, fu una frattura tra generazioni, città e campagna, passato e futuro. Ha queste nuove generazioni bisogna aggrapparsi e cercare un leader di conciliazione e riunificazione. L’Inghilterra ha bisogno di Europa, la Germania di aiuto, l’Italia di crescere, la Spagna di fermezza. La Francia aspetta, non lasciamola sola. Il resto segue. L’Europa è un dovere, una necessità, un’ancora di salvezza irrinunciabile. Un modo, una coscienza, un leader devono pur esserci per ricominciare.

    Report

    Rispondi

  • giusgiand

    21 Novembre 2017 - 15:03

    Sostiene Peduzzi che nel Kingdom "la tristezza è collettiva". Ma l'Office for National Satistics, nel suo ultimo bollettino di Novembre, dice: "Average ratings of life satisfaction – feeling that the things we do in life are worthwhile and happiness – have increased slightly in the UK between the years ending June 2016 and 2017. There was no change in average anxiety ratings in the UK between the years ending June 2016 and 2017. ... This publication is the first to present a full year of personal well-being data since the EU referendum".

    Report

    Rispondi

Servizi