cerca

Nel mondo un abitante su tre sarà africano. Allah batte Malthus

Studio-choc dell’Onu: “Nel 2050, un quarto dell’umanità sarà in Africa. E ci saranno 30 milioni di europei in meno”

29 Settembre 2017 alle 15:36

Un abitante su tre sarà africano. Allah batte Malthus

Osodi Emmanuel / Majority World

Roma. Emmanuel Macron questa estate è finito al centro di una bufera mediatica (con tanto di accuse di “razzismo”) per aver detto che le donne con sette-otto figli sarebbero responsabili dell’attuale condizione del continente africano, per il quale, secondo Macron, la sfida sarebbe dunque di “civiltà”. Alcuni giorni fa, le Nazioni Unite gli hanno dato ragione con la pubblicazione del “World Population Prospects”, il rapporto sulla demografia. Oggi un sesto della popolazione mondiale vive in Africa. Nel 2050, la proporzione sarà di un quarto. Alla fine del secolo, un abitante su tre al mondo sarà africano. Saranno più di quattro miliardi gli africani alla fine del secolo. In Africa oggi le nascite superano di quattro volte le morti. Le donne fanno in media 4,5 figli, contro 1,6 in Europa. Così, nei prossimi trent’anni, gli africani aumenteranno di un miliardo. Difficile immaginare come i flussi migratori saranno influenzati da questa pressione demografica senza precedenti. Ma la demografia africana preme già sull’Europa. Secondo un nuovo rapporto del Pew Forum, sono 2,2 milioni le persone entrate in Europa nel 2015-2016. Un numero che corrisponde esattamente alla metà del numero delle nascite in un anno nel Vecchio continente (5,1 milioni nel 2016). Lo studio dell’Onu parla anche delle prospettive europee, dove per “Europa” si intende l’area allargata a est della Ue.

 

Il malthusianesimo ha vinto solo qui

Nel 1950, gli europei erano 549 milioni. Nel 2017 sono 742 milioni. Nel 2050 saranno 715. Nel 2100 scenderanno a 653 milioni. Il famoso malthusiano “controllo delle nascite” ha funzionato benissimo in Europa e malissimo in Africa. Dunque, in trent’anni la popolazione europea perderà 30 milioni di persone e quasi 100 milioni entro la fine del secolo. E all’interno della casa europea, ci saranno paesi che si contrarranno spaventosamente e altri che avranno una crescita molto forte. La Germania perderà undici milioni di persone, la Bulgaria passerà da sette a quattro milioni, l’Estonia da 1,3 milioni a 890 mila, la Grecia da undici a sette, l’Italia da 59 a 47 milioni, il Portogallo da dieci a sei milioni, la Polonia da 38 a 21 milioni, la Romania da 19 a 12, la Spagna da 46 a 36 milioni. La Russia perderà venti milioni di abitanti, da 143 a 124 milioni. Fra chi sale, spiccano Francia e Inghilterra: la prima passerà da 64 a 74 milioni, la seconda da 66 a 80. Anche Svezia e Norvegia cresceranno: da nove a tredici milioni la prima, da cinque a otto la seconda. Guadagnerà due milioni il Belgio. E non c’è solo l’Onu a lanciare l’allarme.

  

Questa settimana è uscito il nuovo rapporto Eurostat. Il numero di morti nel Vecchio continente è salito del 5,7 per cento in un anno, a causa dell’invecchiamento della popolazione. La grande crescita demografica si registra nelle zone ad alta densità islamica: “I tassi più alti sono registrati nelle Tower Hamlets (Londra) e nei sobborghi parigini nord-orientali di Seine-Saint-Denis”. L’Italia ha il record di decrescita: “Nelle regioni italiane sono stati registrati due dei tre tassi di natalità più bassi, in Liguria e in Sardegna”. Il secondo numero di settembre dell’Economist era dedicato proprio alla demografia. “La ricchezza da sola non può spiegare i bassi tassi di natalità dell’Europa”, scrive il settimanale britannico. “Può svolgere un ruolo l’osservanza religiosa”. La scorsa settimana la Finlandia, il paese che si vanta di avere il miglior welfare al mondo, ha toccato il punto più basso di nascite in 150 anni. Nel caso di quei paesi che cresceranno di più pesa, infatti, la componente islamica. L’economista Charles Gave ha appena pubblicato un rapporto sul sito dell’Institute des Libertés di Parigi e molto ripreso dalla stampa francese. In esso, Gave spiega che, anche senza contare l’apporto dell’immigrazione futura, la Francia avrà una maggioranza islamica nel 2057. Questa settimana l’Office of National Statistics, l’Ansa inglese, ha annunciato che quest’anno Mohammed è diventato il nome più popolare nel Regno Unito fra i nuovi nati.

E’ la demografia, bellezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    29 Settembre 2017 - 17:05

    Nel 1945 nasce la OMS sotto egida Onu e sparisce l'Africa di Dottor Schweitzer-Livingstone-Stanley ed è la fine dell'equilibrio demografico in Africa. Apparvero su i media occidentali i prima raccolta fondi per i morti di fame africani.Una fake-news come si dice oggi. Era la foto di un bambino nero di circa 3 anni con una pancia enorme e braccia e gambe filiforme.Più che una panzana era un sofisma . Ripeto per migliaia di anni i popoli africani hanno sempre avuto un naturale equilibrio demografico .Pur mettendo al mondo la madri africane fino a 7/10 figli le malattie tipiche dell'infanzia falcidiavano i bambini e le risorse nelle città e nei villaggi erano bastanti . L'Italia colonialista ha pagato duramente quell'equilibrio quando decine di migliaia -anche centomila- neri si scatenavano contro le truppe italiane.Ahò erano somali etiopi di paesi montagnosi brulli eppure. Insomma l'Oms pietoso mandò migliaia di medici con vaccini e la popolazione africana esplose. Africa addio.

    Report

    Rispondi

    • lorenzolodigiani

      29 Settembre 2017 - 18:06

      Anche allora si facevano gli interessi delle compagnie farmaceutiche. I grillini hanno proprio ragione

      Report

      Rispondi

Servizi