Le concessioni di Theresa

A Firenze May fa tre passi importanti verso l’Europa. Sulla “creatività” si vedrà

22 Settembre 2017 alle 16:59

Le concessioni di Theresa

Theresa May a Firenze (foto LaPresse)

Theresa May è arrivata a Firenze con una missione: ribadire che questo divorzio – la Brexit – si farà ma si può restare amici. E su questo il premier britannico ha fatto dei passi avanti, tre in particolare, che faranno infuriare i falchi del suo governo (la conferenza dei Tory a Manchester sarà feroce) ma che risuonano bene a Bruxelles. Per quel che riguarda il famigerato “divorce bill”, May ha pronunciato la parola chiave, “commitment”, che è quella che i negoziatori europei pretendevano: significa che il Regno Unito vuole onorare i propri impegni finanziari con l’Unione europea, con tutta probabilità oltre il 2020, fino a quando i pagamenti sono dovuti, cioè 2022-23. May ha anche detto di voler accettare la giurisprudenza della Corte di giustizia europea sui diritti dei cittadini, che è una svolta enorme rispetto al passato, nonché uno degli elementi che finora ha incancrenito i negoziati. Infine May ha sottolineato che ci sarà un accordo transitorio in cui di fatto non cambierà nulla nei rapporti tra Londra e Bruxelles, che è quello che volevano i sostenitori della linea “soft”.

  

“Separati ma con un futuro comune”, dice May

Il discorso del primo ministro britannico a Firenze sulla Brexit. La condivisione di obiettivi condivisi è la nuova linea del Regno Unito 

   

Sulla partnership futura, la May ha introdotto un nuovo slogan, che è già diventato oggetto di dileggio: “imaginative and creative”, che in sintesi vuol dire che Londra proverà a trovare un accordo nuovo, mai sperimentato prima, che si colloca idealmente tra il modello norvegese e quello canadese. Con tutta probabilità la creatività si schianterà contro il muro del negoziatore Barnier, che ha già escluso l’idea di un accordo che dia a Londra vantaggi senza costrizioni. Ma intanto, è caduta un’altra idea fondante della Brexit com’era, quella del Free Trade Agreement: ora May parla di partnership economica. I dettagli non ci sono, ma gli europei un pochino dovrebbero essere contenti, è tra i brexiteers hard che c’è sconforto, e rabbia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    22 Settembre 2017 - 18:06

    Materia allettante di analisi, giudizi, pregiudizi, prese di posizioni politiche e morali, la solita fuffa delle chiacchiere. Andando al sodo: è tutto e solo un problema di sterco del diavolo. Amen.

    Report

    Rispondi

Servizi