cerca

La deriva anti tutto della sinistra spagnola

Il Psoe vuole astenersi sul Ceta e gettarsi tra le braccia di Podemos

27 Giugno 2017 alle 06:00

La deriva anti tutto della sinistra spagnola

Pedro Sánchez (foto LaPresse)

Il Ceta, l’accordo di libero scambio tra Unione europea e Canada, da tempo ormai non dovrebbe più creare controversie. Dopo gli episodi patetici dello scorso ottobre, quando un partitucolo oltranzista belga fu sul punto di far crollare un’intesa raggiunta dopo sette anni di negoziati, dovrebbe essere chiaro che l’accordo con il Canada non solo è portatore di più commerci, più posti di lavoro e più investimenti, ma è anche dotato di tutta una serie di garanzie che dovrebbero renderlo digeribile anche ai più scettici. In un momento di resurrezione del senso comune europeo, intralciare il Ceta sembra una dichiarazione d’intenti anti europea, una follia che nessun partito moderato si azzarderebbe a fare. Ma ecco che arriva Pedro Sánchez, da poco rieletto leader del Partito socialista spagnolo, che ha annunciato che nel voto di questa settimana in cui le Cortes dovranno ratificare definitivamente il trattato i suoi socialisti potrebbero astenersi. Le ragioni sono sempre le stesse: proteste insensate contro il turbocapitalismo e la globalizzazione, contrarietà ideologica al libero commercio e altri orpelli classici del conservatorismo sinistrorso. L’astensione dei socialisti non è dirimente: il governo conservatore di Mariano Rajoy dovrebbe avere comunque la maggioranza, ma è un segnale della deriva oltranzista che ha ormai preso il partito storico del centrosinistra spagnolo, deriva che lo porta tra le braccia di Podemos. Perfino il País, giornale-faro della sinistra, ieri ha ospitato un op-ed in cui condanna la decisione di astenersi, dicendo che opporsi oggi al Ceta significa opporsi all’Europa intera, proprio in un momento in cui questa sta risorgendo. C’è ancora qualche possibilità: il Psoe è combattuto e potrebbe ancora cambiare idea. Ma ormai la figuraccia è fatta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    29 Giugno 2017 - 09:09

    Come avete opportunamente e correttamente analizzato ed osservato, la deriva dei socialisti e della sinistra riguarda più o meno l'intera Europa. C'era una volta l'eurosocialismo. Per altro c'era una volta pure l'eurocomunismo. Ovvero nella costruzione e nel governo dell'Unione europea i grandi partiti si adoperavamo a costruire programmi, proposte e risposte politiche che avessero un comune respiro europeo. Per quel che ricordo, i leader dei grandi partiti nazionali partecipavano direttamente alle campagne elettorali nei singoli paesi proprio a sottolineare un disegno comune sulle grandi questioni cui si riconosceva una rilevanza europea, ovvero internazionale. Dei grandi partiti europei sono rimaste solo le sigle. Ognuno va politicamente per conto proprio, paradossalmente e grottescamente al grido dell'Europa unita.

    Report

    Rispondi

Servizi