cerca

Renzi in Iran non si dimentichi di Israele

Il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi oggi è a Teheran, per una visita ufficiale nel paese a cui partecipa una delegazione di 120 tra imprenditori e rappresentanti delle principali società dell’economia italiana. Ma non deve dimenticare che l'Iran è il paese che vuole eliminare Israele, unico baluardo di democrazia in medio oriente. Appunti per il viaggio.

12 Aprile 2016 alle 10:22

Renzi in Iran non si dimentichi di Israele

Il Presidente della Repubblica iraniana Hassan Rohani riceve il Presidente del Consiglio Matteo Renzi a Teheran (LaPresse)

Il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi oggi è a Teheran, insieme al viceministro dello Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, per una visita ufficiale nel paese a cui partecipa una delegazione di 120 tra imprenditori e rappresentanti delle principali società dell’economia italiana. Il premier italiano sarà il primo capo di governo occidentale a visitare il paese dopo la cancellazione delle sanzioni economiche da parte della comunità internazionale. La scorsa settimana, in un editoriale, il Foglio aveva chiesto al premier di approvare la legge che c’è al Senato contro il boicottaggio di Israele.

 

Prima di partire, Renzi potrebbe fare un altro regalo non agli iraniani, ma all’Europa come insieme di valori condivisi, e a Israele, il piatto prediletto dalle mire violente dei pasdaran della Rivoluzione e nostro solo autentico alleato nella regione. Ovvero potrebbe prendere in mano un disegno di legge bipartisan che c’è al Senato sul boicottaggio di Israele e renderlo realtà. […] Una simile norma esiste ormai in vari paesi. […]Perché non farla anche in Italia? Il Bds, il movimento per il boicottaggio e le sanzioni di Israele, si nutre della delegittimazione del popolo e dello stato ebraico di cui l’Iran è da anni burattinaio indisturbato. Un movimento che si è negli anni insinuato nei nostri sindacati, nelle nostre università, nella nostra società civile.

 

Ieri l’Unità, quotidiano ufficiale del Partito democratico, ha pubblicato una lettera aperta a Matteo Renzi sull’Iran. Tra i firmatari Roberto Saviano, Susanna Tamaro, Raffaele La Capria, Sandro Veronesi e molti altri. L’appello parla di reticenza del governo sulla questione dei diritti umani “nel regime del Mullah che, per indicare una parte per il tutto, è da decenni in cima alla triste classifica dei primi ‘Paese-boia’ del mondo”. Tra i temi che Matteo Renzi dovrebbe denunciare secondo i firmatari dell’appello, oltre alla denuncia per “l’allarmante uso della pena di morte”, la “persecuzione delle minoranze sessuali”, la “discriminazione legale nei confronti della donna” e “gli arresti di attivisti per i diritti umani e oppositori politici”, anche “l’invocazione alla distruzione dello Stato d’Israele e il negazionismo della Shoah”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi