Editoriali

L'apprezzamento del rublo per effetto delle sanzioni è un guaio per Putin

Redazione

Tutte le stime internazionali, anche quelle delle istituzioni russe, prevedono un crollo del pil di Mosca attorno all’8 per cento. La recessione più profonda da circa 30 anni. Lo stesso rafforzamento della moneta non è altro che un prodotto dell’efficacia delle sanzioni, che colpiscono l’import molto più dell’export

Di più su questi argomenti: