L’arte fuori dall’ombra

Il nuovo è stato la spina dorsale della modernità. Poi è venuto il postmoderno. E oggi, l’epoca in cui le opere non sanno come collocarsi nella storia. Unico paradigma per assegnare il valore, il prezzo

28 Maggio 2018 alle 11:20

L’arte fuori dall’ombra

Quando esplode il Kitsch, il dilettantismo professionale. Thomas Kinkade (1958-2012), “The Old Fishin Hole”

Venezia, luminosa fine aprile di sole e di vento. Scuola Grande della Misericordia, opera cinquecentesca di Jacopo Sansovino. Due vasti piani. Sotto, una gloriosa teoria di colonne corinzie binate sopra l’immenso salone tutto affreschi dalla Scuola di Paolo Veronese. Dentro – quel giorno – una grande voglia di fare il punto sull’ipotesi che davvero esista nell’aria un palpabile spirito di Innovazione guidata dalle idee. Di idee e innovazione si sente davvero parlare in una sorta di polifonica quanto eclettica esposizione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi