cerca

Ignoranza e puritanesimo su Balthus

Che cosa ci dice la petizione contro il dipinto “pedofilo” a New York

7 Dicembre 2017 alle 06:10

Ignoranza e puritanesimo su Balthus

“Thérèse dreaming”, du Balthus

Sono già diecimila le persone che hanno firmato una petizione che chiede al Metropolitan Museum di New York di non esporre un dipinto di Balthus, “Thérèse dreaming”, che ritrae una ragazzina seduta con la gonna alzata a cui si vedono le mutandine, e che secondo i promotori della raccolta firme “promuove la pedofilia”. Per fortuna il direttore del museo non ha ceduto al nuovo rigurgito puritano che, nell’epoca della molestia facile e delle copertine dedicate al #metoo, ha cominciato a prendere di mira l’arte e chiedere la censura degli artisti che in vita non si sono comportati bene. “Il dipinto appartiene alla storia dell’arte europea”, la replica del Metropolitan, il dipinto resta appeso. La prima firmataria dell’appello non si è data per vinta e ha chiesto “al museo di essere più coscienzioso nel contestualizzare le opere: può farlo spostando il quadro in un’altra galleria o fornendone una descrizione più contestualizzata”. Balthus può nuocere alla salute come un pacchetto di sigarette, insomma. Che il famoso pittore francese avesse un debole per le ragazzine è noto a tutti (lo stesso Metropolitan in una vecchia retrospettiva ne aveva avvisato i visitatori), che la visione di questo dipinto, tra i più noti dell’artista, improvvisamente provochi turbamento in chi lo vede tanto da chiederne la rimozione, ci dice molto non soltanto sul grado di follia a cui la caccia all’orco degli ultimi mesi è arrivata, ma anche dell’ignoranza di chi, portando avanti l’ennesima battaglia politicamente corretta, pensa di potere riscrivere la storia (dell’arte e non solo) a colpi di morale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    08 Dicembre 2017 - 23:11

    "Honi soit qui mal y pense"

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    07 Dicembre 2017 - 12:12

    Nuova petizione di Mia Merril (dopo quella al Metropolitan Museum of Art perché rimedi all’effetto “disturbante” che potrebbe in taluno sucitare la visione “decontestualizzata” di “Thérèse Dreaming” - la scosciata ragazzina dipinta da Balthus 80 anni fa –): “Non pretendo che la pubblica ostentazione di sesso esplicito venga censurato, omo-trans-etero o altro che sia”, avrebbe scritto, “ma chiedo alle pubbliche amministrazioni che promuovono e finanziano i gioiosi Gay Pride ovunque se ne ospitino le magnifiche manifestazioni e sfilate, di essere più coscienziose nel contestualizzarne la celebrazione: possono farlo limitandone la visibilità indiscriminata o imponendone una modalità più contestualizzata”…. Opps… fake news!

    Report

    Rispondi

Servizi