cerca

Chi sono gli aspiranti navigator in fila per il test alla Fiera di Roma

Molti psicologi, liberi professionisti e precari al concorso di Anpal Servizi per 2.800 contratti a tempo determinato. Attese 54mila persone tra oggi e giovedì 

18 Giugno 2019 alle 17:14

Loading the player...

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di lavoro. Oggi sono loro, le future guide, a giocarsi la possibilità di un'occupazione. La posta in palio è un contratto a tempo determinato di due anni con Anpal Servizi, ma solo uno su diciotto ce la farà.

Fa caldo, molto caldo, nei tunnel che conducono all'ingresso della Fiera. Ci si accampa come può. Spuntano ventagli e panini. Numerosi concorrenti, di tutte le età, vengono dal centrosud. Quanto al percorso di studi, tanti sono psicologi. Un mese o poco più per prepararsi su un programma, raccontano, molto vasto. Sarà il lavoro della vita? Chissà. Per ora, sotto i soffitti trasparenti della Fiera, si suda. E si spera. 

 

Francesco Cocco

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    18 Giugno 2019 - 19:07

    Italia, paese di poeti, santi e navigatores.

    Report

    Rispondi

  • Bacos50

    18 Giugno 2019 - 18:06

    54.000 per 2800 posti! Come paese siamo ridotti proprio male. E se è vero, come appare, che si tratta di parecchi psicologi, liberi professionisti e naturalmente precari ciò dimostra che il lavoro non c'è, altrimenti l'avrebbero già trovato. Non si comprende quindi come potranno aiutare gli altri a trovare quel lavoro che loro non sono stati capaci di individuare. Ricordiamo che queste persone, visto il loro contratto, non parleranno con le persone in cerca di lavoro: faranno attività di supporto e, se sono bravi, si accaparreranno i posti di lavoro eventualmente disponibili. Vengono in mente quelli che vogliono vendere i numeri sicuri per vincere al lotto e anche lì non si comprende il perché non siano loro stessi a giocarseli, visto che assicurano siano numeri vincenti. Povera Italia, che squallore.

    Report

    Rispondi

Servizi