Michele Emiliano è indagato dalla procura di Bari

Tutto quello che è successo mercoledì in Italia e nel mondo senza fronzoli e divagazioni 

DALL'ITALIA

    

Michele Emiliano è indagato per abuso d'ufficio e fatture false. L'inchiesta della procura di Bari riguarda presunti illeciti commessi durante la campagna per le primarie del Partito democratico nel 2017 e in particolare una fattura da 65mila euro pagata da due imprenditori a un'agenzia di comunicazione che si è occupata della candidatura del governatore pugliese. Indagati anche il capo di gabinetto della giunta regionale, Claudio Stefanazzi, e tre imprenditori baresi. Emiliano ha fatto sapere di avere denunciato una persona per violazione del segreto istruttorio."Lunedì 8 aprile sono venuto a conoscenza che nella giornata di giovedì 11 aprile sarei stato oggetto di una attività di acquisizione di documenti e dati da parte della Guardia di Finanza. Lo stesso giorno ho chiesto Procuratore della Repubblica di Bari di potere denunciare i fatti a mia conoscenza".  


Il Pd si divide sull'assoluzione di Ignazio Marino. L’ex sindaco di Roma era accusato per la rendicontazione di alcune cene. “La sentenza riconosce la correttezza della sua azione di governo”, ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti. L’ex premier, Matteo Renzi: “La scelta di sfiduciare Marino fu politica, non giudiziaria”. “Non chiedo scusa, la città era un disastro con Marino”, ha ribadito l’ex presidente del Pd, Matteo Orfini.


Conte esclude l’aumento dell’Iva. “Stiamo portando avanti la spending review, e questo ci consentirà di fare le riforme senza aumentare l’imposta”, ha detto il premier a margine del Consiglio europeo a Bruxelles: “Non ci sarà nessuna patrimoniale”.


Assolti 14 ex manager di Ubi Banca, accusati di aver ostacolato gli organi di vigilanza di Bankitalia. Il gup del tribunale di Milano, Maria Cristina Mannocci, ha dichiarato che “il fatto non sussiste”.


Borsa di Milano. Ftse-Mib invariato. Differenziale Btp-Bund a 258 punti. L’euro chiude in ribasso a 1,12 sul dollaro.

    

DAL MONDO

   

William Barr ha aperto un’inchiesta per verificare se l’Amministrazione Obama abbia messo sotto sorveglianza la campagna elettorale di Donald Trump. Il segretario alla Giustizia ha detto che ritiene ci sia stato dello “spionaggio”.


La Bce non alzerà i tassi. La Banca centrale ha confermato una decisione anticipata il mese scorso. I tassi resteranno invariati fino alla fine dell’anno.


Elezioni in Algeria il 4 luglio. Lo ha annunciato Abdelkader Bensalah, il presidente ad interim.


La Nuova Zelanda ha bandito le armi da fuoco semiautomatiche. Il Parlamento ha approvato in via definitiva la legge voluta dopo l’attacco terroristico di Christchurch.


Airbnb torna in Cisgiordania. Accetterà di nuovo le inserzioni di affitti nella regione, dopo che le aveva bandite perché i territori sono considerati “occupati”.

Di più su questi argomenti: