cerca

La sintonia nel centro destra e la conferenza di Parigi. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo venerdì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

16 Marzo 2018 alle 21:20

La sintonia nel centro destra e la conferenza di Parigi. Le notizie del giorno, in breve

Parigi, Emmanuel Macron riceve Angela Merkel (LaPresse)

DALL'ITALIA

 

“Tra Lega e Forza Italia c’è totale sintonia”, ha detto Matteo Salvini, che ha ribadito di parlare a nome di tutti gli alleati in qualità di leader del centrodestra. “Aspettiamo la convocazione del presidente Mattarella”, ha aggiunto.

“La scelta dei presidenti delle Camere è cruciale”, secondo Luigi Di Maio, che vuole abolire i vitalizi tramite gli uffici di presidenza.


  

Telecom è stata multata dall’Antitrust per pratiche commerciali scorrette e dovrà pagare una sanzione di 4,8 milioni di euro.

Secondo Vivendi il piano di Elliott “punta a smantellare Tim e non creerà valore”, a differenza di quello di Genish.


  

Verdini è stato assolto nel processo P3 dall’accusa di aver fatto parte di un’associazione segreta.


 

La Gdf ha sequestrato beni a Ingroia per 151 mila euro. L’ex magistrato è indagato per peculato.


 

Borsa di Milano. FtseMib +0,64 per cento. Differenziale Btp-Bund a 132,3 punti. L’euro chiude in ribasso a 1,23 sul dollaro.

  

DAL MONDO

   

Merkel e Macron si sono incontrati a Parigi. In conferenza stampa congiunta la cancelliera e il presidente hanno detto che il voto in Italia ha scosso l’Europa. All’ordine del giorno anche emergenza migranti, rafforzamento dell’Eurozona e unione bancaria.

“L’islam non appartiene alla Germania”, ha detto Horst Seehofer, ministro dell’Interno tedesco e leader della Csu.


   

Boris Johnson accusa Putin per l’avvelenamento dell’ex spia russa. Secondo il ministro degli Esteri britannico è stato il presidente russo a ordinare l’attentato.

Mosca ha aperto un’indagine sull’avvelenamento di Yulia Skripal, figlia dell’ex spia Sergei, in quanto cittadina russa.


     

Jacob Zuma è accusato di corruzione. L’ex presidente sudafricano avrebbe ottenuto mazzette in cambio di appalti miliardari di vendita delle armi.


Li Ka-Shing lascia la Ck Hutchinson, alla guida del conglomerato multinazionale di Hong Kong gli subentrerà il figlio.


 

Continuano le proteste a Bratislava per chiedere elezioni anticipate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi