In Europa

In viaggio con la piccola Amel, la bambina siriana gigante

Una marionetta alta tre metri e mezzo attraversa l'Europa per costringerci a guardare i rifugiati non soltanto attraverso numeri e slogan. La polemica in Grecia e l'arrivo a Roma l'11 settembre

Paola Peduzzi

“Little Amal” fa parte del progetto “The Walk”, una camminata europea per non distrarci, per non ridurre il dibattito sui rifugiati a slogan acidi e a numeri da confrontare, paragonare litigandoci sopra senza capirci nulla. La chiamano campagna di sensibilizzazione ma è una bambina che cammina e che a differenza di molte altre bambine che incrociamo per strada si fa notare: è questa la sua forza, non è invisibile

La piccola Amal arriverà a Roma l’11 settembre, una data speciale per la coscienza occidentale, e sarà accolta al Maxxi, mentre sui palazzi del centro della città saranno proiettati i dipinti dell’artista siriano Tammam Azzam, che ora vive in Germania e racconta con l’arte lo strazio del suo paese. Anche la piccola Amal è siriana: è una marionetta alta tre metri e mezzo, una bambina gigante con i capelli lunghi e i vestiti colorati che cammina per ottomila chilometri dalla Turchia fino a Manchester, nel Regno Unito, con il suo seguito di uomini e donne che la fanno muovere e inchinarsi per allungare la mano e accarezzare la testa dei bambini che la guardano stupefatti. “Little Amal” fa parte del progetto “The Walk”, una camminata europea per non distrarci, per non ridurre il dibattito sui rifugiati a slogan acidi e a numeri da confrontare, paragonare litigandoci sopra senza capirci nulla. La chiamano campagna di sensibilizzazione ma è una bambina che cammina e che a differenza di molte altre bambine che incrociamo per strada si fa notare: è questa la sua forza, non è invisibile.

 

La piccola Amal (amal in arabo vuol dire speranza) è partita da Gaziantep, in Turchia, vicino al confine con la Siria: i ragazzini di lì, molti siriani come lei, le hanno scritto dei messaggi di incoraggiamento, hanno accompagnato i suoi primi passi illuminando la strada con le lanterne, le hanno detto che è coraggiosa, hanno raccontato le loro storie, hanno riso e hanno pianto quando hanno saputo che Amal, in questo suo viaggio, sta anche cercando sua madre. Amal è il personaggio di una rappresentazione teatrale inglese che si chiama “The Jungle” e che racconta il campo profughi di Calais, in Francia, “la giungla” per l’appunto. Ha nove anni, è di Aleppo, sua mamma un giorno è uscita per cercare da mangiare e non è più tornata: Amal è partita per cercarla, è una dei 6,8 milioni di siriani che sono oggi rifugiati o richiedenti asilo, e c’è chi pensa che le sia andata comunque meglio degli altri sei milioni e rotti di siriani che hanno dovuto lasciare casa loro e vivono da qualche altra parte in Siria.

 

La camminata in Turchia è finita con un tramonto di quelli che soltanto la luce di questa parte di mondo sa dare e con un concerto di cantanti siriani – la musica di casa, la musica che se hai vissuto in un regime, è un bene di lusso. Poi Amal è partita per la Grecia. A Meteora, nel centro del paese, è stata bloccata. Il consiglio comunale della città – famosa per i suoi ventiquattro monasteri ortodossi costruiti su torri naturali di rocce, uno spettacolo che è patrimonio dell’Unesco (meteora vuol dire “in mezzo all’aria” e i monasteri sembrano sospesi) – hanno detto che la presenza di un rifugiato musulmano gigante in questa terra sacra per gli ortodossi era inopportuna. E magari poi questa presenza fa da richiamo per altri rifugiati, e la Grecia è già allo stremo (il ministro dell’Immigrazione, Notis Mitarachi, ha detto la settimana scorsa che la Grecia “non vuole diventare la porta d’ingresso dell’Europa per il flusso di migranti illegali come è stata dal 2015 al 2019”). Il sindaco di Meteora ha infine trovato un compromesso: la piccola Amal ha camminato nel villaggio centrale ben distante dalle torri e dai monasteri. Il piano originario era un pic nic con i bambini, nessuno si era posto il problema dei monasteri, ma quando ci sono state le polemiche, la camminatrice ha cambiato strada. “Se non siamo i benvenuti, non veniamo”, ha detto un produttore di “The Walk”.

 

A Roma, lo spettacolo di accoglienza si intitola “Le visioni notturne di Amal”: i ricordi della guerra, di casa, la voglia di tornare, la necessità di fuggire di una creatura che è alta tre metri e mezzo, ma è solo una bambina. 

Di più su questi argomenti:
  • Paola Peduzzi
  • Scrive di politica estera, in particolare di politica europea, inglese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, “Cosmopolitics”, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Di recente la storia d'amore di cui si è occupata con cadenza settimanale è quella con l'Europa, con la newsletter e la rubrica “EuPorn – Il lato sexy dell'Europa”. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante. @paolapeduzzi

In Europa

In viaggio con la piccola Amel, la bambina siriana gigante

“Little Amal” fa parte del progetto “The Walk”, una camminata europea per non distrarci, per non ridurre il dibattito sui rifugiati a slogan acidi e a numeri da confrontare, paragonare litigandoci sopra senza capirci nulla. La chiamano campagna di sensibilizzazione ma è una bambina che cammina e che a differenza di molte altre bambine che incrociamo per strada si fa notare: è questa la sua forza, non è invisibile

Paola Peduzzi