cerca

Abolire il televoto

Decenni di spappolamento del cervello popolare con la truffa del “decidete voi”. Un male che viene da lontano

11 Febbraio 2019 alle 21:17

Abolire il televoto

La classifica di Sanremo 2019 con il voto della giuria demoscopica (foto LaPresse)

“E’ un periodo nel quale qualunque parere che non sia il parere popolare tout court è visto con sospetto. E c’è la tendenza, secondo me non bellissima, secondo cui proprio il parere popolare deve vincere su tutto”. Così parlò Mauro Pagani, capo della giuria. E sentenziò: “Sembra che in qualche modo il nemico sia diventato la conoscenza”, e invece “il parere degli esperti è fondamentale”. E poiché Mauro Pagani è uno dei migliori musicisti italiani, la sua difesa dell’expertise contro i gilet gialli del televoto ad cazzum fa Cassazione, Corte suprema, Tavole della legge. E per la musica è tutto. Anzi no.

 

Domenica 10 febbraio, mentre qui starnazzavano i ministri con le orecchie foderate di Nutella e i casaleggisti secondo cui ogni raglio di asino è melodia (“l’anno prossimo solo televoto”: indovinate chi l’ha detto?) negli States assegnavano i Grammy, che sono gli Oscar della musica e valgono in un solo anno più dell’intera storia di Sanremo (parlandone come pil, e come influenza sui nostri gusti). Chi credete li assegni? Una apposita Academy di sapientoni, che spiega agli americani cosa è bello e cosa val la pena ascoltare. Sarà per questo che, nonostante quello là, non sono un paese populista e al talento credono ancora? Il punto non è la musica, e nemmeno la scemenza del razzismo, nemmeno le idiozie sulla giuria radical chic. Il punto è che le forze oscure della recessione cavalcano il televoto perché è con quello che sono andate al governo. Avendo raccolto dal secchio del letame la pappa in cui si è ridotto il cervello degli italiani dopo che per decenni (tre-quattro decenni) una congrega di furboni, televisivi e no, l’ha shakerato ben bene. I Celentani e i Pippi Baudi – vi ricordate quando misuravano i sì e i no, facendo accendere o spegnere la luce? – e tutti gli altri. Poi hanno iniziato a dire: beh, se si può fare con Miss Italia, perché non con il Parlamento? Così è successo quel che è successo. Se c’è una cosa da chiudere non è la giuria di Sanremo, ma il televoto. Prima che quelli aboliscano il voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    12 Febbraio 2019 - 11:11

    Premetto che di Sanremo non me ne frega niente, e che ho ascoltato il brano vincente solo al tg (e non tutto), ma trovo curioso che a ribaltare il televoto non siano persone come il maestro Mauro Pagani, cui dovrebbero essere conferite onoreficenze honoris causa per i suoi trascorsi nella PFM e per l'album di De Andrè "Creuza de ma", ma gente come la Dandini e Severgnini, cioè non esperti e neanche addetti ai lavori, il cui giudizio potrebbe tranquillamente valere il mio. A che titolo il loro è più importante?

    Report

    Rispondi

  • Silvius

    12 Febbraio 2019 - 11:11

    Più che altro andrebbe abolita la TV, che offre grassissimi redditi di cittadinanza a miracolati che sarebbero più utili in agricoltura.

    Report

    Rispondi

  • giuseppezavaroni

    12 Febbraio 2019 - 09:09

    Il pensiero sarebbe, sebbene un po' tendenzioso e impreciso nella ricostruzione storica, tutto sommato, ragionevole. Ma la giuria non era composta di esperti e la foglia di fico del grande Mauro Pagani non può nascondere la realtà: la rovina dell'Italia e la causa del (fugace) successo dei 5stelle sono le autoproclamate élites di tromboni senza sostanza e di trogloditi resi famosi dall'isola dei famosi, dei quali la "giuria di esperti" sanremese costituiva un ampio catalogo.

    Report

    Rispondi

Servizi