cerca

Robot, cani e sicari

Può un robot sostituire l’amore di un cane? Gli animali e quello che sono diventati nella società dell'egoismo secondo Costanza Rizzacasa d’Orsogna

11 Ottobre 2018 alle 06:11

Robot, cani e sicari

Foto LaPresse

Costanza Rizzacasa d’Orsogna ha un nome bellissimo e anche utile, da solo mi aiuta a riempire metà di questa rubrica. E’ molto simpatica anche se la conosco solo come @CostanzaRdO, e in comune abbiamo soltanto una stravagante e forse insana mania per Plutone, il pianeta con il cuore. Lei ama anche molto gli animali, ora ha fatto un libro sul suo gatto, io invece sono fobico pure dei pesci rossi. Ha scritto sul Corriere un istruttivo pezzo, “Può un robot sostituire l’amore di un cane?”. Parla di questo “cucciolino, ha un muso tenerissimo, scodinzola e abbaia felice se gli accarezzi la testa. Proprio come un cane, solo che non lo è. Si chiama Aibo, ed è la sesta generazione del robot di Sony”, nato in Giappone a fine anni Novanta e ora rilanciato in una versione con “sensori ottici e tattili avanzati, grazie all’intelligenza artificiale impara a riconoscere le facce e ciò che gli viene detto, dà la zampa, si ricarica in tre ore e gli si possono insegnare anche dei giochi”. Una meraviglia, no?. Ma dice, Costanza, questa preferenza è un male, “perché è questo che sono diventati gli animali nella società dell’egoismo: un fastidio. Vogliamo la compagnia e l’amore che ci danno, ma senza dover ricambiare, senza occuparci di loro”. E dice probabilmente qualcosa di vero ed essenziale, che magari non riguarda né i cani né i robot, ma la nostra sempre più grande idiosincrasia per il prenderci cura di altro che non sia il nostro ego. Gli animali, sì. O soprattutto gli esseri umani, direi. Ma magari preferire un robot al posto di un cane vivo, è grave come affittare un sicario. (E qui mi fermo, se no sai le polemiche).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    11 Ottobre 2018 - 09:09

    Sostituire un animale con un robot è divenire un pò noi stessi, nell'anima, un meccanismo artificiale.

    Report

    Rispondi

  • furlaninterfan

    11 Ottobre 2018 - 08:08

    Tutto questo amore per i cani, magari due o tre, ma nessun figlio. Poi questi amanti dei cani, li fanno soffrire e piangere perché li lasciano soli per ore. E fanno soffrire anche gli umani perché certe strade periferiche sono insozzate di escrementi canini...

    Report

    Rispondi

    • fiorevalter

      11 Ottobre 2018 - 15:03

      guardi che la maggior parte dei cani non sono di allevamento ma adottati nei canili e anche se non sono un cane mi sento di dirle che preferirei di gran lunga stare un casa da solo piuttosto che stare, sempre da solo, nella gabbia di un canile (specie di certi canili...). Quando ad avere dei figli ...non è un obbligo, come d'altra parte tenere un cane o un gatto

      Report

      Rispondi

    • Skybolt

      11 Ottobre 2018 - 15:03

      Il cane (ormai scientificamente appurato, meno intelligente di parecchi altri animali, solo molto più fregnone) ha un grande vantaggio: non ti fa mettere in discussione e ti consente di fare anche la vittima e il difensore della natura a poco prezzo (devo portare fuori il cane!!!!).

      Report

      Rispondi

Servizi