cerca

Mons. Rain Dove Viganò e altri mostri disinteressati

Dal grande accusatore di Papa Francesco alla modella che ha diffuso gli sms di Asia Argento. Viviamo in un mondo di iene vendicatrici e di spioni disinteressati

28 Agosto 2018 alle 06:00

Mons. Rain Dove Viganò e altri mostri disinteressati

Monsignor Carlo Maria Viganò ha accusato Papa Francesco di aver coperto dei casi di abusi sessuali negli Stati Uniti (Foto Imagoeconomica)

Mons. Viganò probabilmente non ha per compagna un’attivista del #MeToo (anche se nella chiesa d’oggi tutto è possibile) e quindi difficilmente l’avrà fatto perché, preso da irrefrenabile quanto tardiva resipiscenza, si è accorto che qualcuno aveva “commesso un reato”. Non è un canonico moralista, è un trafficone a riposo delle pecunie vaticane, più che altro aveva il dente avvelenato per una faccenda immobiliare. E ad ogni buon conto un futuro conclave è sempre anche faccenda di pecunia, e una cordata vincente può valere pur sempre una messa, o una denuncia avvelenata. Ma forse anche a lui Asia Argento, che nel mazzo a poco a poco va emergendo con la purezza di un giglio, avrebbe risposto: “Sei un mostro!”. Che invece è la risposta data a Rain Dove, 27enne modella statunitense, la quale ha fatto sapere di essere stata lei a diffondere la conversazione privata in cui Asia Argento ammetteva di aver fatto sesso con il toyboy minorenne: “Sono stata io e lo rifarei”. Questione di puntiglio e alta moralità, e che diamine. Così che in un mondo di iene vendicatrici e di spioni disinteressati, fa un’infinita tenerezza la notizia che Romy Schneider avesse un giorno spiattellato a una giornalista che sua mamma era stata a letto con Hitler. Ma poi, pentita, ottenne che la confessione non fosse divulgata. E a vedere monsignori e starlette di oggi, che si scambiano così volentieri ruoli da Torquemada degni di miglior causa, vien quasi da acclamarle sante subito: Romy, e anche la sua bella mamma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    28 Agosto 2018 - 14:02

    Caro Crippa, tu quoque? La character assassination di Viganò, fedele figlio della Chiesa tra tanti sodomiti e apostati, non è una bella cosa.

    Report

    Rispondi

  • giuseppezavaroni

    28 Agosto 2018 - 08:08

    L'impressione è che il nostro falegname guardi il dito anziché la luna. Comunque, il parallelo tra la Argento e il Bergoglio è azzeccato e particolarmente suggestivo. Entrambi hanno tentato di cavalcare l'onda dell'opinione pubblica ottusamente moralistica ed entrambi si sono dimostrati inadeguati anche solo a incantare le masse di bocca buona, finendo per restare in imbarazzato silenzio.

    Report

    Rispondi

Servizi