cerca

La devastazione antropologica dell'addio alle ombrelline della Formula 1

Vista la monotonia di quel che avveniva in pista, erano loro l’unico motivo per stare incollati alla tv. Ma l’America è un posto in cui persino un pornoattore ormai lo fanno fuori dai galà di categoria per atteggiamenti inappropriati

31 Gennaio 2018 alle 20:57

La devastazione antropologica dell'addio alle ombrelline della Formula 1

Foto LaPresse

Non per rubare le parole di bocca a Eugenia Roccella, ma l’occidente ha compiuto un altro passo “verso la fine dell’umano”. E per una volta non è colpa di Marco Cappato. E’ non è colpa nemmeno di Bernie Ecclestone, vecchio satrapo, che il Circo Barnum della F1 lo aveva venduto per tempo, fiutando l’aria, alla Liberty Media, roba americana, per una badilata di miliardi. Sono loro che hanno deciso di abolire le ombrelline. Quelle ragazze da urlo che stavano lì per delle mezz’ore, in mondovisione, di fianco alle monoposto, immobili come altrettante Staute of Liberty dell’immaginario maschiocentrico. Vista la monotonia di quel che poi avviene in pista, l’unico motivo per stare incollati alla tv. Ma l’America è un posto in cui persino un pornoattore ormai lo fanno fuori dai galà di categoria per atteggiamenti inappropriati.

 

Così, “nell’ultimo anno abbiamo notato molte aree dello spettacolo che hanno bisogno di essere aggiornate e adeguate a quella che è la nostra visione dello sport” (una visione che non fa luccicare gli occhi? O si preoccupano dei teenager che rischiano di diventare ciechi?) e dunque le ombrelline sono “in disaccordo con le regole di base della società moderna”. Le ragazze avevano persino tentato di difendersi: “Una grid girl non è lì solo per fare bella presenza, le più brave parlano anche”, che suona un po’ come certe dichiarazioni politiche. Ma la frattura antropologica del binomio donne & motori è compiuta. Al loro posto, i neopuritani minacciano di far scendere in pista dei “performer”. Se si azzardano con Marina Abramovicć, guardo solo il MotoGp.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    01 Febbraio 2018 - 12:12

    Parole sante Crippa. Ma trampò le ombrelline non avranno bisogno di essere. La formula E è già elettrica. Attendemo con il groppo in gola la F1 elettrica e senza pilota. I colori sgargianti delle reclame spariranno e gli spettatori vestiranno di rigore come i Blue Btrathers,

    Report

    Rispondi

Servizi