cerca

Altro che Hollywood

Com'è grande il cinema italiano inventato dagli scrittori in Sicilia

La diffusione del cinematografo e l’iniziale sospetto dei grandi autori, che poi ne presero il meglio. Dalla scrittura alla pellicola fino alla televisione, così l’isola ha cambiato il modo di raccontarci

28 Ottobre 2019 alle 11:11

Com'è grande il cinema italiano inventato dagli scrittori in Sicilia

Un'immagine di "La Terra trema", film del 1948 diretto da Luchino Visconti e ispirato a "I Malavoglia" di Giovanni Verga

In principio furono Giovanni Verga e Luigi Pirandello, con indispettita sfiducia, sospettosi anatemi, superiore pregiudizio: “Castigo di Dio” o “romanzo d’appendice per analfabeti” era il cinema per l’autore dei Malavoglia, mentre con i Quaderni di Serafino Gubbio operatore (pubblicato per la prima volta nel 1916 con il titolo Si gira…) il futuro premio Nobel dava forma ai suoi malumori e stilava il manifesto romanzesco della diffidenza nei confronti di un’arte che minacciava di spodestare, far arretrare la nobiltà della scrittura...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Nadia Terranova

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi